rotate-mobile
Cronaca Terracina

Sit in dei pescatori a Montecitorio, presente delegazione di Terracina

Manifestazione davanti il palazzo della Camera dei Deputati contro il caro benzina e le regole imposte dalla Comunità Europea. Intanto continua il presidio al porto di Gaeta

Sono in protesta da questa mattina davanti il palazzo di Montecitorio. Un centinaio di pescatori provenienti da tutt’Italia stanno presidiando l’ingresso della Camera die Deputati a Roma.

Tra di loro anche una delegazione di Terracina, a cui il sindaco Procaccini questa mattina ha espresso la propria solidarietà.

Molti dei manifestanti sono arrivati questa mattina nella capitale con indosso i giubotti di salvataggio e si sono trincerati dietro ai loro striscioni.

Contestano il caro benzina; "Vi state mangiando anche le nostre barche", ''La Comunità Europea ci affonda'', ''Le regole del Nord Europa non valgono per il Mediterraneo'', queste le loro denunce. E per ore hanno gridato e fatto sventolare le loro bandiere.

Attimi di tensione si sono vissuti nel pomeriggio dopo il lancio di alcune bombe carta. In seguito all'episodio si è reso necessario anche l’intervento delle forze dell’ordine ma tutto si è risolto nel giro di pochi minuti.

Nel frattempo continua la protesta anche a Gaeta con i pescatori che hanno presidiato il porto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sit in dei pescatori a Montecitorio, presente delegazione di Terracina

LatinaToday è in caricamento