Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

Bollette sui rifiuti, discarica e rimborsi: scontro in Consiglio comunale

Il commento del Pd al termine del voto in Consiglio: "Una maggioranza sorda non ascolta le soluzioni dell'opposizione e obbliga i cittadini a pagare le fatture promettendo un rimborso"

La strada avviata dal Comune di Latina che porta verso i rimborsi nei confronti dei cittadini che vivono nella “zona verde”, a 2000 metri dalla discarica, per il pagamento della bolletta Tia sui rifiuti 2006/2008 - da cui di fatto sarebbero esentati - di certo non accontenta l’opposizione.

Ed in particolare il Pd è sul piede di guerra: “la maggioranza ha votato contro la mozione del Pd per l’esenzione del pagamento della Tia per i cittadini di Borgo Bainsizza appellandosi a disposizioni legislative che non esistono” ha commentato il capogruppo del Pd Giorgio De Marchis a margine del voto.

“Abbiamo dimostrato in aula che la soluzione andava trovata non all’interno della materia tributaria ma in una triangolazione che vedesse il pagamento delle fatture mediante la rinuncia al credito della Latina Ambiente e contestuale erogazione di un contributo diretto del Comune in favore del soggetto gestore.
La verità è che una maggioranza sorda è arrivata in Consiglio comunale con una posizione rigida non ha ascoltato le motivazioni dell’opposizione e ha pensato esclusivamente a non far incassare politicamente al Partito democratico il risultato dei rimborsi”.

“Pur di arrivare a questo non si sono fatti scrupolo di colpire i cittadini che oggi dovranno versare il pagamento della fattura in attesa di un contributo che non si sa se e quando arriverà - proseguono dal Pd -. Questo per loro è un grande risultato politico, per noi e per i cittadini è una pessima figura e soprattutto un pessimo modo di amministrare”.

“La soluzione del pagamento diretto era stata condivisa anche dalla Latina Ambiente – commenta il consigliere comunale Fabrizio Mattioli - Dobbiamo prendere atto che la maggioranza è in preda a una fobia persecutoria e invece di cercare soluzioni ricerca cavilli per complicare la vita dei cittadini pur di non riconoscere un risultato all’opposizione. Questo modo di governare umilia le legittime aspettative dei cittadini e lede i diritti soggettivi dei latinensi”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bollette sui rifiuti, discarica e rimborsi: scontro in Consiglio comunale

LatinaToday è in caricamento