rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Cisterna di Latina

“In ginocchio lo supplicava di non picchiarla ancora”: arrestato marito violento a Cisterna

La grave vicenda familiare venuta alla luce anche grazie alle testimonianze dei vicini della coppia: arrestato dalla polizia 34enne di origini indiane

“In ginocchio lo supplicava di non picchiarla ancora”: questa una delle testimonianze che racconta i maltrattamenti subìti da una donna a Cisterna da parte del marito, un uomo di 34 anni di origini indiane regolarmente soggiornante in Italia. 

L’uomo è stato arrestato nella giornata di ieri dalla polizia che ha notificato la misura cautelare della custodia in carcere al 34enne, già oggetto di un provvedimento del locale Commissariato  per i reati di maltrattamenti, gravi lesioni e minacce nei confronti della moglie connazionale, totalmente succube del marito. 

“La grave vicenda familiare - spiegano dalla Questura - è venuta alla luce grazie anche alle richieste e alle testimonianze degli inquilini del condominio multietnico di piazza Cavalieri del Lavoro a Cisterna, dove  la coppia di indiani dimora”. 

Le successive indagini degli investigatori della Polizia Anticrimine del Commissariato di Cisterna, hanno consentito di svelare una situazione familiare  particolarmente difficile, esasperata anche dal frequente stato di ubriachezza dell’uomo, nonché dalla passiva subcultura della donna che aveva anche riportato la frattura delle ossa nasali ed è stata fatta oggetto di calci e pugni da parte del marito, anche in presenza della figlia minore. In passato si erano evidenziati anche tentativi di strangolamento e registrate gravi minacce di morte brandendo una roncola, poi sequestrata dalla polizia. 

Infine le testimonianze hanno addirittura riferito di aver visto la donna supplicare in ginocchio il marito per non essere picchiata ancora.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“In ginocchio lo supplicava di non picchiarla ancora”: arrestato marito violento a Cisterna

LatinaToday è in caricamento