rotate-mobile
Cronaca Cori

Cisterna-Valmontone, coro unanime contro la bretella

Anche il sindaco di Cori, Tommaso Conti, ha partecipato all'assemblea pubblica; per gli organizzatori "l'opera rischia di deturpare un territorio ancora incontaminato, ricco di storia e di cultura"

No alla bretella Cisterna –Valmontone. In centinaia, tra cui anche il sindaco di Cori Tommaso Conti, hanno partecipato all’assemblea pubblica organizzata dal coordinamento dei Comitati contro la Bretella autostradale a pedaggio Cisterna–Valmontone, su iniziativa del Circolo “La Spinosa per l’Ambiente” e del MAG.

I partecipanti sono accorsi da tutti i Comuni interessati - Labico, Valmontone, Artena, Lariano, Giulianello–Cori, Velletri, Cisterna, Campoverde (Aprilia)  -; diverse le associazioni, da Legambiente a Italia Nostra, i partiti politici e le presenze istituzionali che hanno preso parte all’incontro per attivare una strategia di opposizione ad un progetto che secondo i presenti rischia di deturpare un territorio ancora incontaminato, ricco di storia e di cultura; un’opera che risponde ad una logica ormai superata di sviluppo incentrato sulle quattro ruote e che ha determinato nel Paese ad un enorme spreco di denaro pubblico.

“Il Consiglio comunale di Cori già nel 2008 espresse tutta la sua preoccupazione per la realizzazione di questo tracciato – spiega il sindaco Conti -. Qualora fosse stato necessario costruirlo, l’assemblea chiese almeno di salvaguardare il più possibile le aree interessate dei due monumenti naturali Torrecchia Vecchia e Lago di Giulianello. Allo stato attuale invece ritengo che l’opera sia assolutamente obsoleta e anacronistica rispetto alle problematiche che intendeva risolvere. La crisi industriale del territorio pontino diventa orami irreversibile, per questo occorre puntare su un diverso modello di sviluppo dell’economia locale”.   

“Non vogliamo negare la necessità di procedere ad una razionalizzazione delle strade provinciali, per alleggerire il traffico all’interno dei centri urbani, riducendo l’inquinamento e migliorando la qualità della vita - hanno spiegato gli organizzatori -, tuttavia con il 'decreto del fare' viene attenzionato il progetto della Bretella, unitamente alla nuova autostrada Roma-Latina e, con la probabile approvazione del CIPE, si rischia che l’opera venga messa in atto, con conseguenze disastrose sul piano paesaggistico ed economico. Le zone interessate hanno una forte vocazione agricola e c’è il pericolo concreto di smembramento delle proprietà rurali, con conseguenze gravissime sul piano dell’occupazione. Non molto diverse sono le conseguenze che ricadrebbero con la realizzazione dell’autostrada Roma-Latina. Il Comitato, che raggruppa diverse associazioni dell’asse viario della Pontina, chiede la messa in sicurezza di quest’ultima strada dove, negli ultimi 10 anni si è assistito al verificarsi di oltre 500 incidenti mortali. Lacura del ferro e cioè lo stanziamento di fondi per realizzare il raddoppio della linea ferroviaria Velletri-Ciampino e il rafforzamento di quella Cisterna-Roma è un altro suggerimento che viene dalle associazioni ambientaliste alle quali non basta dire no, ma intendono, anche con l’aiuto di esperti del settore, come Marco Martens o Simone Franceschini, contribuire con ipotesi di lavoro alla soluzione di annosi problemi”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cisterna-Valmontone, coro unanime contro la bretella

LatinaToday è in caricamento