Cadavere in un canale a Borgo Sabotino, forse investito da un'auto pirata

Il corpo senza vita di un uomo rinvenuto nel canale che costeggia la strada nei pressi dell'ex centrale nucleare. Sul posto la polizia per gli accertamenti. La vittima è un 54enne che abitava in zona, Massimiliano Zazzetti

Il cadavere di un uomo, Massimiliano Zazzetti, di 54 anni, è stato rinvenuto in un canale nei pressi dell’ex centrale nucleare a Latina, nella zona di Borgo Sabotino.

L’allarme è scattato nel primo pomeriggio di oggi, lunedì 20 febbraio. 

Sul posto, in strada Alta, sono intervenuti i sanitari del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso, e la Polizia con gli uomini della Scientifica e della Squadra mobile. A dare l'allarme è stato un agricoltore della zona, che era alla guida del suo trattore quando ha notato il corpo affiorare da un fosso che costeggia la strada. 

        >>> CADAVERE RINVENUTO IN UN CANALE: IL VIDEO <<<

Al momento non si esclude nessuna ipotesi, gli accertamenti sono andati avanti tutto il pomeriggio e il ritrovamento di una serie di frammenti di plastica, possibili pezzi di freccia o di un fanale di un'auto, sembrano ormai confermare l'ipotesi che l'uomo sia stato investito da un'auto che è poi fuggita senza fermarsi a prestare soccorso.

L'uomo, residente poco lontano dal luogo in cui è stato ritrovato il corpo, si era allontanato da casa questa mattina per recarsi al lavoro. Le indagini proseguono. Al vaglio degli investigatori della Squadra mobile le immagini riprese da una telecamera di videosorveglianza presente in zona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul lavoro in un'azienda di Sermoneta: un operaio resta ustionato

  • Gatto incatenato e maltrattato: la segnalazione a Latina

  • Cimitero di auto rubate in un terreno: scompare il materiale sequestrato

  • Guida Michelin 2020: c'è l’Acqua Pazza di Ponza tra i ristoranti “stellati” del Paese

  • Spaccio a piazza Moro, Girondino condannato a tre anni e mezzo di carcere

  • Tabacco riscaldato e sigarette elettroniche riducono dell'80% i livelli di monossido di carbonio: lo studio italiano

Torna su
LatinaToday è in caricamento