rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca Centro / Corso della Repubblica

Cambio al vertice della Guardia di Finanza: lascia Reccia, arriva Michele Bosco

Cerimonia ufficiale di avvicendamento al comando provinciale di Latina. Il nuovo comandante, originario di Treviso, è un esperto di reati tributari e riceve in eredità una provincia "impegnativa"

“Ho in eredità un lavoro splendido portato avanti da chi mi ha preceduto. Mi auguro di continuare ad operare su questa strada, in sinergia con le istituzioni, con l’obiettivo di dare una risposta alla domanda di sicurezza e legalità”. Con queste parole il colonnello Michele Bosco ha assunto oggi il comando provinciale della Guardia di Finanza di Latina, incarico per tre anni ricoperto dal colonnello Giovanni Reccia.

Alla cerimonia ufficiale del passaggio di consegne, nel salone di “Palazzo M", ha partecipato anche il comandante regionale della Guardia di Finanza, generale di divisione Bruno Buratti, che ha voluto porgere a entrambi il proprio augurio ricordando come questo comando provinciale sia "uno dei più impegnativi del Lazio, per caratteristiche sociali, economiche e finanziarie del territorio”.

“I fenomeni più diffusi sui quali si è concentrato il lavoro del comando – ha spiegato il colonnello Buratti – vanno dalle frodi all’iva alle false fatture per operazioni inesistenti fino ai fallimenti preordinati. Un altro fronte aperto è poi quello dell’infiltrazione criminale e dell’immissione di denaro di provenienza illecita nelle attività economiche”.  

Michele Bosco, nativo di Nervesa di Battaglia, in provincia di Treviso, esperto nel contrasto ali illeciti fiscali, arriva a Latina dal I Battaglione Allievi dell’Accademia di Bergamo, dopo aver svolto attività di verifica fiscale presso diversi reparti del Corpo e dopo aver ricoperto l’incarico di Capo della sezione contrasto illeciti fiscali internazionali della Guardia di Finanza.  

Il suo predecessore, Giovanni Reccia, ha lasciato la provincia di Latina, sottolineando l'apertura di "Palazzo M" alla città e ricordando poi gli importanti traguardi raggiunti dal comando: “L’azione della Guardia di Finanza pontina è stata continua e costante – ha sottolineato – con indagini di polizia tributaria e giudiziaria che hanno travalicato i confini nazionali e che hanno spaziato dalle frodi fiscali al riciclaggio, dai reati contro la pubblica amministrazione alla criminalità organizzata, dal contrasto al traffico internazionale di stupefacenti a quello della contraffazione dei marchi di impresa, dalle misure di prevenzione ai reati fallimentari, all’individuazione dei danni all’erario”. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cambio al vertice della Guardia di Finanza: lascia Reccia, arriva Michele Bosco

LatinaToday è in caricamento