Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Pontinia

Traffico di droga ed estorsioni, operazione contro il clan Di Lauro. Un arresto anche a Pontinia

Eseguita all'alba di oggi dai carabinieri di Napoli l'ordinanza che ha disposto il carcere per 25 indagati spedendone altri quattro ai domiciliari. Durante le indagini sventato anche un omicidio al Gran Premio di Barcellona

C’è anche un uomo residente a Pontina tra le persone arrestate questa mattina nell’ambito di una maxi operazione anticamorra contro il clan Di Lauro a Napoli.

Questa mattina all’alba, tra Secondigliano, Scampia e altri quartieri della zona settentrionale del capoluogo campano, i carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale  hanno dato esecuzione all’ordinanza emessa dal Gip presso il Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, che ha disposto il carcere per 25 persone e ha spedito ai domicliari altre 4 persone.

L’operazione di oggi è arrivata al termine di mirate indagini proprio nei confronti del clan Di Lauro nel periodo 2007/2008, a cavallo della cosiddetta seconda faida che ha insanguinato Scampia e Secondigliano, arrivando all'individuazione dei soggetti che hanno operato come vero e proprio sottogruppo dei Di Lauro, nel rione Perrone Berlingieri - sino alla loro estromissione da quei territori e a seguito della conquista del rione da parte dei clan degli Amato-Pagano e della Vinella-Grassi -, e alla ricostruzione dell'organigramma della struttura che, nel corso degli stessi anni, ha gestito il clan per conto del latitante Marco Di Lauro.

Di particolare importanza, sul piano investigativo, anche la ricostruzione di quella che viene definita un’organizzazione “dedita al narcotraffico che aveva come obiettivo proprio il costante rifornimento delle piazze di spaccio dei Di Lauro - si legge in una nota della Procura di Napoli -, attraverso un'articolata organizzazione logistica che metteva in comunicazione Napoli con la Spagna. Nel corso delle indagini, in particolare, sono stati portati alla luce quelli che si ritengono essere gli affari illeciti della piazze di spaccio riferibili al clan Di Lauro, con completa ricostruzione degli organigrammi dei gruppi che gestivano Perrone Berlingieri, il Rione dei fiori (così detto Terzo mondo), nonché i canali di approvvigionamento di stupefacenti dalla Spagna”.

Nel corso delle investigazioni, i militari hanno sequestrato 31 Kg di “cocaina”. I carabinieri, inoltre, hanno accertato numerose estorsioni nei confronti degli ambulanti del locale mercatino rionalee sventato un omicidio organizzato contro 5 elementi di peso dei rivali scissionisti Amato-Pagano, che dovevano assistere al Gran premio di Spagna a Montemelo', il circuito della Catalogna, il 27 aprile del 2008.

Per gli arrestati l’accusa è di associazione di tipo mafioso, estorsione e traffico internazionale di stupefacenti, aggravato dalla disponibilità di armi e dall’impiego di un minorenne.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico di droga ed estorsioni, operazione contro il clan Di Lauro. Un arresto anche a Pontinia

LatinaToday è in caricamento