menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gaeta, sindaco intransigente: aiuole e parchi giochi off limits ai cani

Ordinanza del sindaco; la novità: proibisce ai cani entrare nelle aiuole pubbliche e nelle aree destinate al gioco dei bambini. Tolleranza zero per chi non raccoglie le deiezioni: multe da 25 a 250 euro

Giro di vite per i trasgressori proprietari o conduttori dei cani che da oggi a Gaeta dovranno stare ben attenti anche al loro portafogli in caso di disattenzioni.

Con un apposita ordinanza, il sindaco di Gaeta, Cosmo Mitrano, ha vietato l’ingresso ai cani all’interno delle aiuole pubbliche e delle aree destinate al gioco dei bambini; non solo, ma ha anche previsto sanzioni pecuniarie per chi non raccoglie le deiezioini dei nostri amici a quattro zampe.

“Chi permette ai propri cani di trasformare i marciapiedi, le strade e le aiuole cittadine in vere e proprie lettiere è avvertito - afferma un Cosmo Mitrano intransigente -. L’educazione, il buonsenso e il rispetto degli altri e dell’ambiente sono principi che vanno salvaguardati ed applicati”. Con quest’ordinanza, così, il primo cittadino rende obbligatorio condurre i cani al guinzaglio e raccogliere i loro escrementi. Non solo. L’ordinanza contiene una grande novità, quella di “inibire ai cani, sia pur accompagnati, la fruizione delle aiuole pubbliche e delle aree destinate al gioco dei bambini”.

“Ai padroncini distratti, ovvero maleducati, che non rispettano l’ordinanza e a chi verrà colto sprovvisto di paletta e sacchetto, saranno comminate multe a partire da 25 a 250 euro. Non raccogliere le deiezioni dei propri animali è un atto incivile e nel contempo una violazione che verrà sanzionata dalla Polizia Locale, con ancora maggiore attenzione rispetto al passato, al fine di debellare questo sgradevole comportamento contrario alle norme di convivenza civile”.

“Amare gli animali significa infatti anche rispettare l’ambiente e comportarsi con senso civico. Chi vive con un cane ha il diritto di portarlo a spasso, così come chi non possiede un animale da compagnia ha il diritto di non imbattersi negli escrementi e di trovare i marciapiedi puliti”. “L’ordinanza – spiega il sindaco Mitrano – è volta anche a conferire alla nostra città un’identità sensibile al rispetto dell’ambiente e alle normative vigenti in materia di decoro e igiene pubblica. Mantenere la città pulita è un nostro dovere e un nostro diritto: le nostre strade, i nostri parchi e le nostre aiuole meritano di essere rispettati come il salotto di casa nostra”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento