Cronaca

Pronto soccorso nel caos, l’appello alla Regione: “Intervenire subito”

Dopo l'aggressione all'infermiere dei giorni scorsi sull'emergenza vissuta nell'ospedale Santa Maria Goretti di Latina intervengono anche i capigruppo di Pd e Forza Italia, Giorgio De Marchis e Giorgio Ialongo

Un intervento immediato per rispondere alla situazione di emergenza vissuta dal pronto soccorso e dall’ospedale Goretti di Latina. Dopo l’aggressione dell’infermiere avvenuta nei giorni scorsi e la riunione dell’unità di crisi convocata con emergenza dalla Asl, arriva l’appello alla Regione dei capigruppo di Pd e Forza Italia, Giorgio De Marchis e Giorgio Ialongo.

GIORGIO DE MARCHIS - “La situazione di collasso che si è venuta a creare al pronto soccorso non è nuova, ma nota da tempo. La riforma della sanità pontina, come quella nel resto del Lazio, è stata contrassegnata da tagli lineari che hanno determinato la chiusura delle strutture periferiche e il rafforzamento del ruolo e della centralità dell’ospedale Goretti. Tuttavia, all’aumento dei servizi erogati non ha corrisposto un aumento degli investimenti nella struttura ospedaliera, sia in termini finanziari che in termini di risorse umane. Tale situazione si è sentita in modo particolare nelle strutture di pronto soccorso e nel dipartimento di emergenza che rappresentano l’esempio più evidente di carenze croniche che sono comunque diffuse ad altri reparti del Santa Maria Goretti”.

Questo il commento di De Marchis che facendo riferimento all’episodio dell’aggressione all’infermiere prosegue: “Tali episodi sono il sintomo di una situazione non più tollerabile. Per questo pensiamo sia necessario e opportuno che la Regione Lazio si impegni in una azione di intervento immediato che garantisca al pronto soccorso del capoluogo pontino quelle risorse umane necessarie a consentire il raggiungimento di livelli qualitativi adeguati. Riteniamo altrettanto necessario e urgente – aggiunge De Marchis - che si intervenga attraverso lo spostamento di personale infermieristico da altri settori verso il pronto soccorso fino a quando non saranno messe in atto le pratiche per l’assunzione di nuovo personale”.

“In questa direzione – conclude il capogruppo Pd - riteniamo opportuno che il Consiglio comunale di Latina faccia sentire la propria voce visto che finora il Comune è stato assente nel dibattito di merito. Questa mattina è stata presentata in consiglio una mozione per chiedere al sindaco di sostenere davanti alla Regione e al commissario dell’Asl la necessità di avviare un percorso che possa determinare una svolta significativa nella sanità pontina, da troppo tempo abbandonata a se stessa”.

GIORGIO IALONGO – “Rivolgendo innanzitutto un messaggio di vicinanza alla persona aggredita; come esponente politico non posso che stigmatizzare la grave situazione di inadeguatezza strutturale in cui versa il pronto soccorso del Santa Maria Goretti di Latina. Oggi ancora più evidenti visto che è possibile, su internet, visualizzarne accessi e tipologia di ingresso.

È palese come i numeri di Latina - aggiunge Ialongo - rappresentino da soli un grido d'allarme lanciato alla Regione affinchè intervenga al più presto. Non sappiamo, nel merito, quali interventi verranno disposti dall'unità di crisi della Asl voluta dal nuovo manager Caporossi, ma quel che è certo è come la responsabilità del nuovo governatore e commissario della sanità laziale, Nicola Zingaretti, debba essere richiamata in ogni momento, sino a che non avremo risposte sulla situazione. L'attuale pronto soccorso, nonostante il restyling, mortifica i pazienti e gli operatori che cercano di fare il massimo pur tra mille difficoltà. Solidarietà anche al primario Mario Mellacina che da anni denuncia inascoltato questa situazione”.

“Condividendo l'indignazione espressa dal consigliere regionale di Forza Italia Giuseppe Simeone sull'inerzia sino ad oggi dimostrata da Zingaretti sull'intera problematica della sanità regionale, ribadisco il mio impegno e quello del partito a sostenere una battaglia di civiltà per la salute e la dignità di tutti in attesa che anche la Asl di Latina, non solo la Regione, presenti delle iniziative valide, delle soluzioni. Non più chiacchiere” conclude il capogruppo di Forza Italia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pronto soccorso nel caos, l’appello alla Regione: “Intervenire subito”

LatinaToday è in caricamento