Carabinieri, il Capitano Marco D’Angelo lascia il Comando del Norm di Latina

Nuovo incarico per il capitano D'angelo che assume quello di Comandante della Compagnia di Petilia Policastro in provincia di Crotone e lascia "il testimone" al Luogotenente Salvatore Barbagallo

Cambio alla giuda del Comando del Norm della Compagnia Carabinieri di Latina. Il Capitano Marco D’Angelo dopo tre anni lascia il Norm di Latina per assumere l’incarico di Comandante della Compagnia di Petilia Policastro in provincia di Crotone.

Tra le attività di servizio più rilevanti condotte con il contributo dei propri uomini, ricordano dal comando provinciale, “l’indagine che ha portato all’arresto nel 2014 per tentato omicidio di un noto ultrà latinense che durante una festa in un locale colpì con una coltellata alla gola un ventenne di Latina, nonché le indagini che hanno portato al fermo di un imprenditore e il sequestro di circa 20 tonnellate di cioccolata (per un valore di circa 1 milione di euro) provento di riciclaggio attraverso società connesse ad una associazione di stampo mafioso di origine calabrese. 

Tra i primi risultati ottenuti si ricorda anche il sequestro, alla vigilia del capodanno del 2015, di circa 500 Kg di materiale esplosivo e pirotecnico custodito all’interno di un garage di una palazzina ed il conseguente arresto del responsabile”. 

Più di recente “l indagine per tentato omicidio che ha portato all’arresto di una persona, ed il deferimento di altri sette favoreggiatori, conseguente all’aggressione di un uomo che, mentre cercava sua figlia, veniva ridotto in fin di vita davanti una nota discoteca del litorale di Latina. 

Nell’ambito del territorio della Compagnia, l’operazione “Interessi Zero” che ha permesso l’arresto di una banda di usurai di Sezze ed il sequestro patrimoniale di quasi un milione e mezzo di euro, oltre alla incessante ed elaborata attività d’indagine che ha permesso l’arresto di due pericolosi criminali che avevano selvaggiamente aggredito e rapinato un’anziana all’interno della propria abitazione con il sequestro di una piantagione di marijuana ed alcune armi in possesso dei rapinatori”.

“Venivano condotte, inoltre - prosegue la nota -, diversificate indagini che consentivano di contrastare fenomeni, perseguendone gli autori, quali rapine a prostitute e in esercizi commerciali – le più recenti operate con l’uso di un’accetta - violenza sessuale su minore, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione, contrasto al traffico di armi clandestine ed allo spaccio di droga anche nei confronti di soggetti particolarmente noti del panorama criminale locale e, a seguito di indagini sulla pubblica amministrazione, il sequestro di alcuni immobili ed il deferimento di diversi soggetti per falso ed abuso d’ufficio”. 

Nel complesso, i militari del Norm, in poco più di due anni e mezzo hanno complessivamente denunciato quasi 800 persone, traendone in arresto ben 161 in flagranza di reato e 24, a seguito di più complesse indagini, su ordinanze dell’A.G. In ultimo meritevole di considerazione la costante attenzione verso i giovani attraverso varie iniziative di sensibilizzazione sociale e lezioni di legalità presso gli istituti scolastici, oltre a mirati servizi di controllo del territorio e nei locali notturni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Capitano D’Angelo lascia “il testimone” al Luogotenente Salvatore Barbagallo in servizio al Norm di Latina dal 2006. All’Ufficiale vanno gli auguri sinceri ed affettuosi del Comandante, Col. Calvi e dei colleghi del Comando Provinciale di Latina. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i contagi non si fermano: 139 nuovi casi nel Lazio e 11 in provincia

  • Latina, operazione "Dirty Glass": i nomi degli arrestati. Tra loro anche due carabinieri

  • Coronavirus, casi ancora in forte aumento: 165 in più nel Lazio e 23 in provincia

  • Operazione Dirty Glass: riciclaggio, estorsione e corruzione. Ecco i ruoli dei personaggi coinvolti

  • Operazione Dirty Glass: chi è Natan Altomare, "soggetto scaltro e pericoloso"

  • “Spregiudicato e di grande caratura criminale”: ecco chi è Luciano Iannotta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento