Case popolari occupate da abusivi, arrivano le prime segnalazioni all’Ater

A darne notizia la stessa Ater la quale fa sapere che le segnalazioni possono essere fatte anche tramite la pagina Facebook dell'Ente: "I cittadini iniziano a segnalare gli abusi; due ‘lettere-denuncia arrivate"

Iniziano ad arrivare le prime segnalazione e le prime denunce da parte dei cittadini circa case popolari occupate abusivamente. 

“Assegnatari, cittadini, presunti occupanti senza titolo, in tanti hanno iniziato a segnalare abusi. Ieri sono state recapitate due ‘lettere-denuncia’". A farlo sapere è proprio l’Ater di Latina che dopo il caso esploso nei giorni scorsi ha visto arrivare le prime segnalazioni. 

“Prontamente - si legge in una nota pubblica sulla pagina Facebook dell’Ente - sono stati effettuati i sopralluoghi ed i controlli ecco i risultati: - nel primo caso si tratta della nipote dell'assegnataria, da tempo diffidata al rilascio dell'alloggio e segnalata alla Procura della Repubblica in seguito ad un nuovo accertamento che ha verificato il mancato rilascio dell'alloggio; - nel secondo caso d'ufficio era stato accertato che l'assegnatario era proprietario di un cespite, ha chiesto e ottenuto dal Comune di Latina il Decreto di decadenza formalizzando la diffida al rilascio dell'alloggio, mentre nell'ultimo caso segnalato si tratta dei legittimi assegnatari”.

“Ricordiamo - conclude l’Ater - che le segnalazioni possono essere inviate anche mediante la messaggistica di questa pagina Facebook”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Torna l’ora solare: lancette dell’orologio indietro, ecco quando spostarle

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

  • I “4 Ristoranti” di Alessandro Borghese sulla Riviera d’Ulisse: trionfa la Ricciola Saracena

  • Un uomo colto da infarto in strada: salvato da un medico e dal 118

Torna su
LatinaToday è in caricamento