Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Detenuto in Guinea, chiesto l'intervento del Governo sul caso Berardi

Il sindaco Di Giorgi e il presidente della Provincia De Monaco scrivono al presidente Letta e al ministro Bonino per segnalare la drammaticità della situazione e chiedere un immediato intervento del Governo

Non si abbassa lo stato di attenzione nei confronti del caso di Roberto Berardi, l’imprenditore di Latina detenuto in carcere nella Guinea Equatoriale ormai da 10 mesi.

Dopo la fiaccolata di qualche giorno fa, che ha visto la popolazione di Latina partecipare commossa, sono pronte altre iniziative per chiedere il ritorno a casa di Berardi.

Il sindaco del capoluogo, Giovanni Di Giorgi, e il presidente f.f. della Provincia, Salvatore De Monaco, hanno  inviato una lettera congiunta al presidente del Consiglio dei Ministri, Enrico Letta, e al Ministro degli Esteri, Emma Bonino, in cui viene ripercorso il calvario di Berardi, sottolineando la drammaticità di una situazione molto delicata e complessa che rischia di precipitare, chiedendo quindi un intervento immediato e risolutivo del Governo italiano.

Da mesi la famiglia e gli amici di Berardi chiedono con forza al Governo Italiano di attivarsi per la liberazione dell’imprenditore, che sta subendo maltrattamenti fisici e psicologici, senza poter ricevere aiuti – si legge tra l’altro nella lettera inviata da Di Giorgi e De Monaco -  Nei giorni scorsi la stessa famiglia ci ha espresso la sua grande preoccupazione per le sorti del congiunto. Le istituzioni locali hanno raccolto questo appello, partecipando anche alla fiaccolata promossa per chiedere la liberazione di Roberto Berardi e il suo rientro in Italia. Ci preme al contempo evidenziare i timori espressi dai familiari per la sorte di Roberto Berardi – continua la lettera -  le cui condizioni fisiche sarebbero ormai gravi a seguito della difficile condizione carceraria e dei maltrattamenti subiti. Per questo chiediamo un immediato e decisivo intervento del Governo italiano per risolvere una vicenda che coinvolge un nostro connazionale e la sua famiglia”.

Del caso il sindaco Di Giorgi e il presidente De Monaco interesseranno anche i parlamentari nazionali della provincia di Latina, affinché si adoperino per un’azione congiunta. “Non c’è più tempo da perdere – afferma il sindaco di Latina – tutte le istituzioni locali devono attivarsi per una azione comune in favore di Roberto. Ogni giorno che passa può essere fatale per la sorte del nostro concittadino, siamo con la famiglia e gli amici in questa battaglia per riportare a casa Roberto”.                

Nella giornata di ieri il comitato per la liberazione di Berardi ha partecipato anche all’Angelus presentandosi in piazza San Pietro con uno striscione che invoca il ritorno a casa dell’imprenditore pontino e per il 4 dicembre ha organizzato un sit in sempre a Roma, ma questa volta davanti all’ambasciata della Guinea Equatoriale a Roma.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Detenuto in Guinea, chiesto l'intervento del Governo sul caso Berardi

LatinaToday è in caricamento