rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

Fideiussioni false: Bugia Blu: "Chiarimenti sul caso Urbania"

Dopo le ultime novità, il Comitato interviene ancora sulla società che ha gestito i parcheggi a pagamento fino ad un anno fa: "Continueremo ad informare la Corte dei Conti sugli sviluppi della questione"

Lo aveva fatto già in passato e ancora una volta, a fronte di quanto emerso nei giorni scorsi – in merito alle false fideiussioni -, il Comitato Bugia Blu torna a parlare del caso Urbania.

“Innumerevoli sono state in questi anni le stranezze sul caso “Urbania” che noi del Comitato Bugia Blu abbiamo messo a più riprese in risalto – si legge in una nota -: la creazione di  parcheggi a pagamento anche dove vietati dal codice della strada e comunque non indicati nelle tavole di gara, le multe elevate dai vigilini di Urbania anche al di fuori dell’ ambito di loro competenza, il passaggio di consegne nel febbraio 2012 da  Consorzio Urbania a Urbania Multiservizi dopo l’interdittiva antimafia, la  riscossione unilaterale dei parcometri da parte del privato, i pagamenti  effettuati sempre in ritardo dal gestore, i piani di rientro non contemplati dal bando, la non applicazioni delle penali previste esplicitamente dall’art.13 del capitolato speciale d’appalto, solo per citarne alcune.

Una delle maggiori perplessità di cui però non riuscivamo a farcene una ragione riguardava le fideiussioni. Ci chiedevamo da tempo – continua il Comitato - il motivo per cui il  Comune di Latina per recuperare il debito diventato milionario di Urbania che svuotava i parcometri ma non corrispondeva il dovuto, non escuteva almeno le  fideiussioni valevoli per contratto sino alla cessazione dell’attività e comunque sino alla redazione in contraddittorio del verbale di restituzione  delle aree di proprietà comunale affidate in concessione al privato. Incredibile ma vero, stando a quanto hanno affermato autorevoli membri dell’ amministrazione comunale nelle commissioni consiliari, le polizze erano false”.

“È possibile produrre ad una amministrazione pubblica dei documenti falsi di tale rilevanza senza che questa esegua una verifica? In che periodo temporale l’amministrazione si è accorta che le fideiussioni non erano valide? Perché allora non ha risolto immediatamente il contratto con Urbania considerato che poteva farlo per grave inadempimento ovvero dichiarazione non veritiera ai sensi dell’art. 14 del capitolato? Perché non è stato denunciando questo grave fatto alla Procura della Repubblica? Se avesse agito per tempo quale  ingente somma di denaro pubblico inserito nei parcometri dai cittadini di Latina si sarebbe salvaguardata?”.

Queste le domande che si pone il Comitato Bugia Blu; “per approfondire la vicenda e tentare di dare una risposta a tali interrogativi abbiamo presentato in data 30 settembre una istanza di accesso agli atti ai sensi della L.241/90 di cui ad oggi, anche se trascorsi i 30 giorni previsti per legge, attendiamo ancora l’ esito. In ogni caso - conclude la nota - da par nostro continuiamo ad informare la Corte dei Conti sugli sviluppi della questione, della quale riteniamo quanto mai opportuno l’intervento”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fideiussioni false: Bugia Blu: "Chiarimenti sul caso Urbania"

LatinaToday è in caricamento