Cronaca

Latina non celebra 25 aprile, Sarubbo: “Risposta sconcertante dal Comune”

Interrogazione del consigliere Pd all'assessore Di Cocco: "La risposta che ci è stata fornita suona come scusa povera di argomenti. Importante l'impegno assunto per il prossimo anno"

Mentre tutta Italia celebrava l’anniversario della liberazione del Paese dall’oppressione nazista, il 25 aprile di Latina è stato la festa delle polemiche.

All’indomani di quella che per il popolo italiano è sempre stata una data storica e ricca di valore simbolico, il Pd non si era tirato indietro nel far notare una mancanza dell’amministrazione locale: per il giorno della liberazione dell’Italia, a Latina non era stata organizzata nessuna celebrazione.

E la questione è stata affrontata questa mattina in Consiglio comunale quando l’assessore Di Cocco ha risposto all’interrogazione del Partito Democratico, primo firmatario il consigliere comunale e presidente della Commissione Trasparenza, Omar Sarubbo.

Ma la risposta di Di Cocco sembra aver soddisfatto solo in parte il consigliere del Pd che a caldo ha commentato: “La risposta che ci è stata fornita suona come scusa povera di argomenti ma in ogni caso la cosa più importante rimane l'impegno che a seguito della nostra interrogazione il sindaco ha preso”.

Durante la seduta di oggi, Sarubbo ha chiesto anche di conoscere, e di far conoscere alla città, le intenzioni dell’amministrazione per il prossimo anno. “La giunta ha spiegato i mancati festeggiamenti in un modo assai singolare”, ha commentato Sarubbo.

“Di Cocco infatti si è giustificato sostenendo che la giunta non ha ritenuto opportuno produrre sovrapposizioni tra la festa di Liberazione e i festeggiamenti per San Marco, patrono di Latina. La pochezza delle spiegazioni fornite è spiazzante – aggiunge il presidente Sarubbo - ma vogliamo prendere la parte buona della risposta: l'impegno che la giunta comunale si è assunta oggi con il quale a partire dal prossimo anno verranno affissi in tutta la città dei manifesti per celebrare questa importante ricorrenza”.

Un impegno giunto solo grazie alla sollecita interrogazione del Pd. “Un’amministrazione comunale in uno Stato democratico deve assumersi la responsabilità della memoria sempre – conclude Sarubbo -. Il prossimo anno il Comune ricorderà questa importante giornata nella quale tutti gli italiani festeggiano la libertà dall'oppressione nazifascista e la democrazia conquistata a caro prezzo. Il Partito democratico non permetterà più certe dimenticanze. Vigileremo affinché il Comune mantenga gli impegni”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Latina non celebra 25 aprile, Sarubbo: “Risposta sconcertante dal Comune”

LatinaToday è in caricamento