Centrale a biogas a Maenza, i dubbi del consigliere Enrico Forte

Presentato un'interrogazione al presidente del Consiglio del Lazio. Forte: "Ritengo opportuno che la Regione esamini la questione e valuti se ci siano le condizioni per procedere con la realizzazione dell'impianto"

Dubbi sul progetto per la realizzazione di una centrale a biogas nel Comune di Maenza.

Il consigliere regionale e vice presidente della Commissione Ambiente, lavori pubblici, mobilità, politiche della casa e urbanistica Enrico Forte ha presentato nei giorni scorsi un’interrogazione al presidente del Consiglio regionale del Lazio. 

Lo stesso Forte, infatti, sottolinea come la documentazione presentata per la costruzione dell’impianto presenti a tutt’oggi alcune carenze riguardo alla documentazione PAS relativa a centrali per la produzione di energia elettrica superiore a 100 KiloWatt.

Per l’inoltro del PAS – si legge nell’interrogazione – sono necessari: documentazione ai fini della realizzazione delle strutture e di compatibilità sismica dell’intervento; la relazione geologica redatta secondo i criteri del Regolamento regionale del Lazio; il piano di smaltimento e rimozione dell’impianto conforme alla vigente normativa; la valutazione acustica del cantiere; fidejussioni, impegni, atti d’obbligo e di impegno al mantenimento della destinazione d’uso, di vincolo del terreno, alla rimozione dell’impianto e al ripristino delle condizioni attuali oltre che la certificazione che, vista la notevole superficie dell’intervento, vi sia pieno rispetto delle norme idrogeologiche”.

Il consigliere regionale pontino chiede dunque che la Regione Lazio attivi per quanto di sua competenza i controlli e le verifiche sulla compatibilità dell’impianto che dovrebbe sorgere sul territorio del Comune di Maenza e interroga il presidente della Giunta regionale Nicola Zingaretti e l’assessore Fabio Refrigeri per sapere se siano a conoscenza “della grave situazione esistente nel Comune determinata dalla realizzazione della centrale a biogas e se non ritengano oppurtuno intervenire con urgenza per affrontare il problema”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La realizzazione dell’impianto – commenta Enrico Forte – in località Farneto in realtà rischia di avere conseguenze negative anche nei territori di alcuni comuni circostanti con lo sconvolgimento dell’attività di numerose imprese agricole e dei terreni della zona oltre che dei centri abitati. Ritengo quindi opportuno che la Regione esamini nel dettaglio la questione e valuti se ci siano le condizioni per procedere con la costruzione della centrale nel totale rispetto della salute dei cittadini interessati e della salvaguardia del territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i contagi non si fermano: 139 nuovi casi nel Lazio e 11 in provincia

  • Latina, operazione "Dirty Glass": i nomi degli arrestati. Tra loro anche due carabinieri

  • Coronavirus, casi ancora in forte aumento: 165 in più nel Lazio e 23 in provincia

  • Operazione Dirty Glass: riciclaggio, estorsione e corruzione. Ecco i ruoli dei personaggi coinvolti

  • Coronavirus Latina, nuovo picco di contagi: altri 30 positivi in provincia

  • Operazione Dirty Glass: chi è Natan Altomare, "soggetto scaltro e pericoloso"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento