menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chikungunya e donazioni: le precisazioni dell'Avis di Latina

I contagi a Latina sono fermi a tre e la sezione comunale dell'Avis fa chiarezza sulla raccolta di sangue: sospesa per 28 giorni solo nella Asl di Roma Sud e in via temporanea nella sola frazione di Latina Scalo

Sull'infezione da chikungunya interviene la Avis di Latina per fare chiarezza su chi può donare subito e chi è temporaneamente sospeso. La doverosa premessa è che i casi di contagio a Latina sono fermi a tre, dunque non si trtta di un'epidemia diffusa. Per questi motivi la sospensione di 28 giorni riguarda solo coloro che sono residenti nel Comune di Anzio o a Roma Sud (Asl Roma 2). A questi, in maniera transitoria, si aggiungono i residenti di Latina Scalo, in quanto i casi accertati nel Comune di Latina hanno interessato solo i residenti della frazione.

L’Avis aggiunge che, “soprattutto in questo momento, visto il conseguente calo delle donazioni nella Regione Lazio dovuto appunto alle sospensioni per una parte dei residenti, è ancor più importante andare a donare il sangue, per fronteggiare l’emergenza che si è già venuta a creare e solo in parte tamponata dai donatori delle altre regioni, che ringraziamo". 

Si ribadisce inoltre che, essendo solo tre i casi accertati, non esiste un pericolo epidemico serio tale da provocare pesanti conseguenze come il blocco delle donazioni. La segreteria dell’Avis è raggiungibile al numero 0773.697669 o tramite mail info@avislatina.it oltre che su facebook ed è a disposizione per tutte le ulteriori informazioni o dubbi, in modo da evitare via gi a vuoto dei donatori ma, al tempo stesso, per non fermare le donazioni in questo periodoi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento