Claudio Amendola sceglie Latina per il suo film: regista alla ricerca delle giuste location

Sopralluogo con la Latina Film Commission per Claudio Amendola al suo secondo film da regista. Tra le location individuate, la stazione ferroviaria di Latina, il mercato ortofrutticolo, e alcune piazze della città. Nel cast anche Luca Argentero

Sopalluogo Claudio Amendola a Latina (foto Enrico De Divitiis)

Dopo Michele Placido, anche Claudio Amendola sceglie Latina per il suo prossimo film. Un ottimo risultato per la provincia pontina ma anche per la Latina Film Commission.

Dopo "La mossa del pinguino" Amendola ritorna alla regia con un film che vede, oltre al lui, tra i protagonisti Luca Argentero (con cui ha già lavorato nel film di Edoardo Leo "Noi e la Giulia”), e tanti altri amici della sua lunga carriera cinematografica.

Il sopralluogo alla ricerca delle giuste location per la sua nuova pellicola nei giorni scorsi quando Claudio Amendola con il direttore della Film Commission, Rino Piccolo, e insieme alla su squadra di produzione - il manager Maurizio Evangelisti (Il Papa buono, La omicidi), l’aiuto regia Simone Spada (Il professor Cenerentolo, Noi e la Giulia, Che bella giornata), lo scenografo Paki Meduri (Suburra, Gomorra la serie) ed il fidato produttore Caludio Bonivento (Ultra’, Ragazzi Fuori, Pasolini, un delitto italiano, Mery per sempre) - hanno setacciato possibili ambienti per il loro futuro progetto a Latina e dintorni.

Il regista narrerà una storia drammatica e movimentata, scritta per essere ambientata in una città del nord, ma con le riprese trasferite in terra pontina dopo i primi soprallughi a Latina.

amendola_film_latina_2-2 amendola_film_latina_1-2

Amendola ritorna per la seconda volta alla regia, dopo la felice esperienza della “Mossa del pinguino” dopo più di 33 anni di esperienza di cinema e televisione. Il direttore Rino Piccolo è stato conquistato subito dalla sua estrema disponibilità, cortesia e professionalità. “Veramente un artista carismatico, premuroso e stimolante, una bella passeggiata con lui a cerca di locations, fortunatamente definite in poche ore” ha poi dichiarato.

Tra le location individuate, la stazione ferroviaria di Latina, il mercato ortofrutticolo, e alcune piazze della città. Amendola, subito riconosciuto dai molti fan si e’ reso disponibile per autografi e selfie durante l’intero percorso accompagnato da cori da stadio a rimarcare la sua fede giallorossa. La giornata si e’ conclusa con una pausa pranzo nella mitica trattoria del romanista Giorgione.

Finalmente Latina viene identificata per se stessa e non, come succede in altre occasioni, dove viene fatta passare come periferia di Roma o di un’altra città italiana. Un’inarrestabile punto di riferimento la Latina Film Commission, che pur senza fondi, funge ormai da elemento catalizzatore di importanti produzioni televisive e cinematografichee, attività importantissime per lo sviluppo dell’economia locale oltre alla ottima prospettiva di incremento turistico per le nostre bellissime località.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus, altri 209 contagi e tre morti in provincia. Boom di casi a Terracina

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

  • Morto dopo un inseguimento, la guardia giurata condannata a nove anni per omicidio

  • Coronavirus Latina, altri 231 contagi. Ma non c'è alcun decesso nelle ultime 24 ore

Torna su
LatinaToday è in caricamento