Cisterna, falso allarme bomba per un’auto sospetta davanti la caserma dei carabinieri

Ad allertare la presenza di una vettura, risultata rubata, parcheggiata nei posti che sono riservati ai militari. Attivate le necessarie procedure di sicurezza

E’ rientrato l’allarme per una sospetta autobomba scattato nella serata di oggi, lunedì 7 ottobre, all’esterno della caserma dei carabinieri di Cisterna. Gli artificieri, fatti intervenire sul posto, hanno eseguito un'ispezione congiunta insieme alle unità cinofile che ha dato esito negativo. 

Ad allertare i militari, prima delle 20 di questa sera, la presenza di una vettura, una Lancia Y vecchio tipo risultata rubata nella giornata di oggi ad Aprilia, lasciata parcheggiata nei posti che sono riservati ai carabinieri proprio sotto la caserma da unuomopoi visto allontanarsi a piedi. Particolare che ha portato ad attivare subito le necessarie procedure di sicurezza.

In via precauzionale la strada è stata chiusa e la zona isolata durante tutte le operazioni coordinate dal comandante provinciale dei carabinieri, il colonnello Gabriele Vitagliano, arrivato questa sera a Cisterna, in via Carlo Alberto dalla Chiesa. Sono state evacuate la caserma e la palazzina adiacente. Sul posto anche polizia e guardia di finanza, i vigili del fuoco, i sanitari del 118 e la polizia locale. 

Solo dopo ore di accertamenti, nella tarda serata, l'allarme è potuto finalmente rientrare. L'auto è stata poi ispezionata. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bracciante abbandonato alla stazione dal datore di lavoro si sdraia sui binari: non è mai stato pagato

  • Aprilia, in due tentano di investire i carabinieri: i residenti lanciano vasi contro i militari

  • Incidente al Piccarello, schianto fra auto: due bambine in ospedale. Strada chiusa

  • Si spara con la pistola di ordinanza: muore finanziere in servizio a Gaeta

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

  • Aprilia, minacce di morte ai carabinieri in via Francia: convalidati i due arresti

Torna su
LatinaToday è in caricamento