menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Traffico illecito di rifiuti, il Riesame restituisce a Del Prete 16 milioni di euro

La somma era stata sequestrata al momento dell'arresto. Resta invece sotto sequestro la Centro Rottami srl di Cisterna

L’imprenditore di Cisterna Leopoldo Del Prete recupera una parte consistente del suo patrimonio, sottoposto a sequestro il 21 maggio scorso in contemporanea con il suo arresto per traffico illecito di rifiuti disposto dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma.

Il Tribunale del Riesame di Roma ha infatti accolto in parte la richiesta presentata dai legali di Del Prete, gli avvocati Giuseppe Napoleone e Marta Censi, di dissequestrare la Centro Rottami e i 16 milioni di euro. I giudici hanno annullato il sequestro del denaro restituendolo all’imprenditore del settore rifiuti mentre hanno stabilito che l’azienda di via Grotte di Nottola a Cisterna rimane sottoposta a sequestro e affidata, per quanto riguarda la gestione, a due amministratori giudiziari.

Leopoldo Del Prete e il figlio Gennaro, colpiti da ordinanza di custodia cautelare per traffico illecito di rifiuti, riciclaggio e autoriciclaggio, erano tornati in libertà il 3 giugno scorso: per Leopoldo, detenuto a Roma, il Riesame aveva disposto la scarcerazione con una misura interdittiva che gli vieta di esercitare l’attività imprenditoriale per un anno mentre Gennaro, che era agli arresti domiciliari, è stato scarcerato con il semplice obbligo di firma.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento