Omicidio di Desirée, niente telecamere e pubblico in aula: processo a porte chiuse

Lo ha deciso la Corte di Assise di Roma per tutelare la vittima minorenne. Prossima udienza domani, 17 gennaio

Si svolgerà a porte chiuse, quindi senza telecamere e pubblico, il processo a carico delle quattro persone accusate della morte di Desirée Mariottini, la 16enne ritrovata morta in uno stabile abbandonato nel quartiere romano di San Lorenzo il 19 ottobre 2018. A deciderlo ieri pomeriggio è stata la terza Corte di assise di Roma  dopo che la Procura ha sottolineato che la vittima era minorenne e che fra i reati contestati agli imputati c’è anche la violenza sessuale.

Una richiesta a cui si sono associate tutte le parti. Subito dopo la decisione sono state fatte uscire dall’aula bunker di Rebibbia tutte le troupe televisive presenti. Sul banco degli imputati ci sono sono Yusif Salia, Mamaodu Gara, Brian Minteh e Chima Alinnoaccusati di omicidio volontario, violenza sessuale aggravata e cessione di stupefacenti a minori. La prossima udienza è stata fissata per venerdì 17 gennaio e si aprirà con la deposizione dei primi testi della Procura, ovvero il dirigente del commissariato di San Lorenzo e gli operatori del 118 che intervennero nell’edificio di via dei Lucani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Latina, 227 i contagiati in provincia. Nel Lazio 173 casi positivi in un giorno

  • Coronavirus Latina: 237 contagi in provincia, 195 casi positivi in più nel Lazio in un giorno

  • Coronavirus Latina: 193 i casi positivi nella provincia pontina, 1540 in tutto il Lazio

  • Coronavirus, controlli della polizia: scoperta parrucchiera che lavorava in casa. Denunciata

  • Terracina, 250 mascherine donate al Comune. Il biglietto: "Dal vostro concittadino Gabriele Orlandi"

  • Coronavirus Fondi: il termoscanner individua un positivo al Mof, 140 screening su casi sospetti

Torna su
LatinaToday è in caricamento