Fermati con la droga a Chianciano, scarcerati i tre ragazzi di Cisterna

I giovani sono stati interrogati questa mattina dal gip del Tribunale di Siena. Per loro è stato disposto l'obbligo di dimora a Cisterna

Sono tornati a casa con l’unico obbligo di dimorare a Cisterna i tre ragazzi arrestati domenica dagli agenti della polizia stradale di Arezzo sulla A1 nei pressi di Chianciano con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale.

I due ragazzi, di 20 e 21 anni e la ragazza di 19 – tutti assistiti dagli avvocati Italo Montini e Gaetano Marino - sono stati ascoltati questa mattina a Siena dal giudice per le indagini preliminari per l’interrogatorio di convalida: uno di loro ha risposto alle domande del magistrato e sui è assunto la responsabilità della droga rinvenuta all’interno dell’auto, circa 200 grammi tra hascisc, marijuana e cocaina, già suddivisa in dosi. Nell’auto gli agenti avevano trovato anche un bilancino di precisione. L’altro ragazzo e la ragazza invece si sono avvalsi della facoltà di non rispondere ma hanno rilasciato spontanee dichiarazioni e sottolineato di non avere nulla a che fare con la sostanza stupefacente.

A conclusione dell’interrogatorio il gip, dopo avere convalidato l’arresto, ha accolto la richiesta della difesa disponendo la scarcerazione dei tre con l’obbligo di dimora a Cisterna.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e corruzione: 34 arresti a Latina. Coinvolti due agenti della polizia penitenziaria

  • Droga e corruzione in carcere, i nomi dei 34 arrestati dell'operazione "Astice"

  • Astice e cocaina in carcere: in cambio di favori soldi e droga agli agenti corrotti

  • Corruzione in carcere, il detenuto parla dell'ispettore: "Quando vuole mangiare fallo mangiare subito"

  • Latina, giallo in via Sabaudia: trovato il cadavere di un uomo in auto

  • La buona sanità a Formia, bimbo cade e si rompe la milza: il chirurgo torna in ospedale e lo salva

Torna su
LatinaToday è in caricamento