Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca Cisterna di Latina

Maltrattamenti e botte alla ex moglie davanti alla figlia piccola, lui non risponde al giudice

L'interrogatorio del 41enne di Cisterna arrestato nei giorni scorsi anche per violenza sessuale dopo la denuncia della donna. Nel fascicolo anche i referti delle lesioni

E’ rimasto in silenzio avvalendosi della facoltà di non rispondere il romeno finito in carcere nei giorni scorsi per maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale a Cisterna dopo una serie di accertamenti nati in seguito alla denuncia dalla ex moglie.

Il 41enne per anni ha messo in atto una serie di comportamenti violenti, prevaricatori e offensivi, attuati su un lasso di tempo prolungato nell’ambito del contesto familiare. Tali violenze, secondo il racconto della vittima, consistevano principalmente in percosse e minacce di morte e sarebbero iniziate già dal 2018 anche in presenza della figlia minore, quali conseguenza dell’eccessivo uso di alcol. La furia dell’uomo si rivolgeva spesso anche contro le porte di casa e varie suppellettili, distrutte nei momenti di raptus. A corredo della denuncia certificazioni mediche che hanno attestato le lesioni riportate dalla donna incluse alcune fratture. In due circostanze inoltre l’uomo avrebbe cercato di abusare sessualmente di lei, palpeggiandola nelle parti intime sebbene ostacolato dalla resistenza della vittima.

Oggi l’interrogatorio di garanzia davanti al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Latina Mario La Rosa: il 41enne però non ha risposto alle domande del magistrato e si è avvalso della facoltà di non rispondere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltrattamenti e botte alla ex moglie davanti alla figlia piccola, lui non risponde al giudice
LatinaToday è in caricamento