menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lo stabilimento ex Goodyear

Lo stabilimento ex Goodyear

Cisterna, morto per tumore dopo 28 anni alla Goodyear: il gip ordina l'imputazione coatta

La vittima Antonio Trapella. Il presidente dell'Ona Bonanni: “Chiediamo sia fatta giustizia per le vittime, a loro sostegno ci costituiremo parte civile”

E' stata ordinata l'imputazione coatta per la morte di Antonio Trapella, ex lavoratore della Goodyear di Cisterna deceduto a novembre del 2011 per un carcinoma squamoso polmonare. L'uomo aveva lavorato per 28 anni nello stabilimento che produceva pneumatici, dal 1973 al 2000, con capannoni che avevano copertura in eternit, a contatto con sostanze pericolose e utilizzando macchinari con freni con ferodi in amianto.

La notizia è stata resa nota dall'Ona, Osservatorio Nazionale Amianto. "Dagli atti processuali è emerso che il decesso sia conseguito all'esposizione lavorativa ad agenti chimici pericolosi (amianto, nerofumo, idrocarburi, ammine aromatiche, talco, silice, solventi, fumi, vapori) - spiega l'Ona - caratterizzati da forti tossicità e presenti nello stabilimento, così come accertato nei numerosi procedimenti civili e penali incardinati contro i direttori dell’azienda statunitense".

 Il Gip di Latina Giorgia Castriota, evidenziando come davanti al Tribunale di Latina sia pendente in fase dibattimentale un altro processo contro i vertici della Goodyear, tutti imputati dei reati di omicidio colposo e lesioni colpose aggravati dalla violazione delle norme in materia di salute e sicurezza sul lavoro, ha disposto al pubblico ministero di formulare l'imputazione previa identificazione dei responsabili. "Siamo soddisfatti - spiega l'avvocato Ezio Bonanni, presidente dell'Ona e difensore dei familiari di Antonio Trapella - che la richiesta di archiviazione sia stata sconfessata, ora ci aspettiamo che si faccia giustizia per le vittime. La condizione di rischio amianto e di altri cancerogeni presso la Goodyear di Cisterna di Latina rende necessaria l'istituzione della sorveglianza sanitaria, e una maggior attenzione da parte degli organi inquirenti". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, nuovi casi di variante inglese: focolaio a Latina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento