Cronaca Cisterna di Latina

Roma dedica un centro antiviolenza alle sorelline Capasso di Cisterna uccise dal padre

L'annuncio della sindaca Virginia Raggi su Facebook. A portare il nome di Alessia e Martina sarà la struttura di accoglienza del I Municipio

Uno dei centri antiviolenza di Roma sarà intitolato ad Alessia e Martina Capasso, le bambine di Cisterna uccise dal padre, appuntato dei carabinieri, il 28 febbraio 2018.

A darne notizia è stata la sindaca di Roma Virginia Raggi con un post sul suo profilo Facebook nel quale spiega come l’amministrazione abbia chiesto ai Municipi, agli istituti scolastici che hanno seguito il progetto “A scuola di parità” e alle associazioni del terzo settore che si occupano di sostegno alle donne, di proporre un nome per il Centro antiviolenza della propria zona e come, nei casi in cui sono arrivate più proposte, siano stati coinvolti i cittadini con un sondaggio sul portale di Roma Capitale.

Gli altri centri saranno intitolati a Franca Rame, Paola Lattes, Angelina Merlin, Irma Bandiera, Sara Di Pietrantonio, Massimo Di Gregorio, Palmina Martinelli, Teresa Buonocore e Alda Merini.

Luigi Capasso utilizzando l’arma di ordinanza aveva prima sparato alla moglie Antonietta Gargiulo, che è sopravvissuta, poi si era barricato nella sua abitazione di Cisterna e aveva sparato alle figlie, di 13 e 8 anni per poi rivolgere l’arma contro sé stesso e uccidersi.

“Si tratta di donne che sono diventate simbolo della lotta contro la violenza – scrive la Raggi - icone di autodeterminazione e libertà femminile, oppure di persone che si sono distinte nelle battaglie in difesa e promozione dei diritti delle donne. Le loro storie, le loro testimonianze, il loro impegno nel combattere il fenomeno e nel difendere i diritti delle donne siano da esempio per spingere tutti noi con ogni mezzo a sostenere il coraggio di tutte coloro donne che vogliono uscire dalla spirale della violenza.

 A portare il nome di Alessia e Martina sarà il centro antiviolenza del I Municipio sulla circonvallazione Trionfale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma dedica un centro antiviolenza alle sorelline Capasso di Cisterna uccise dal padre

LatinaToday è in caricamento