Omicidio di Elisa Ciotti, ascoltato in carcere il marito: risponde e conferma la confessione

L'uomo ascoltato oggi dal gip Giorgia Castriota. E' accusato dell'omicidio volontario della moglie

E' stato interrogato in carcere nella tarda mattinata di oggi Fabio Trabacchin, il 35enne accusato dell'omicidio di sua moglie Elisa Ciotti, avvenuto lunedì a Cisterna in una delle villette di via Palmarola. L'uomo, assistito dagli avvocati Luca Melegari e Fabrizio Mercuri, ha deciso di parlare con il giudicie del tribunale di Latina Giorgia Castriota e di collaborare, come già aveva fatto quando era stato condotto in caserma dai carabinieri. 

Un racconto però faticoso perché l'uomo appare ancora confuso e non in grado di fornire una dettagliata ricostruzione dell'accaduto. Nel corso dell'interrogatorio ha però sostanzialmente confermato la versione dei fatti già resa ai carabinieri nella sua confessione. Ha quindi confermato di aver colpito la moglie, ma il nodo resta quello dell'oggetto utilizzato per colpire la donna. Un martello, stando a quanto aveva detto agli investigatori dei carabinieri, che avrebbe poi abbandonato tra le campagne durante il suo percorso in auto, ma che non è stato ancora ritrovato.

E' iniziato intanto, a Cisterna, l'esame sul corpo di Elisa, effettuato dal medico legale di Roma, dottoressa Liviero.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e corruzione: 34 arresti a Latina. Coinvolti due agenti della polizia penitenziaria

  • Droga e corruzione in carcere, i nomi dei 34 arrestati dell'operazione "Astice"

  • Astice e cocaina in carcere: in cambio di favori soldi e droga agli agenti corrotti

  • Corruzione in carcere, il detenuto parla dell'ispettore: "Quando vuole mangiare fallo mangiare subito"

  • Latina, giallo in via Sabaudia: trovato il cadavere di un uomo in auto

  • La buona sanità a Formia, bimbo cade e si rompe la milza: il chirurgo torna in ospedale e lo salva

Torna su
LatinaToday è in caricamento