Omicidio a Cisterna, "Elisa era il sole". Oggi una veglia per ricordare la 35enne uccisa

Dolore e incredulità tra i familiari e gli amici di Elisa Ciotti. Una comunità sconvolta per l'ennesima tragedia. Il Comune: "E' il momento del dolore e del silenzio"

Foto: profilo instagram Elisa Ciotti

"Elisa era il sole", una donna positiva e disponibile, che sapeva dare conforto a chiunque ne avesse bisogno. Così la cognata, i cugini, i parenti e gli amici descrivono Elisa Ciotti, 35 anni, uccisa ieri, 10 giugno, con un colpo alla testa inferto con un martello dal marito Fabio Trabacchin (nella foto), arrestato per omicidio volontario. C'è incredulità e sgomento tra gli amici e i familiari della giovane donna, ennesima vittima di un femminicidio che scuote ancora la città di Cisterna dopo il duplice omicidio di Alessia e Martina per mano del padre Luigi Capasso e dopo la tragica morte della 16enne Desirèe Mariottini. Dopo la notizia, i parenti e la madre Paola si sono precipitati ieri mattina davanti alla villetta di via Palmarola, teatro della tragedia, dove gli esperti dela scientifica dei carabinieri lavoravano ormai da ore. Lacrime, rabbia e il ricordo di questa donna che, nonostante i problemi familiari, continuava ad essere presente e vicina a tutti. Qualcuno dice che avrebbe dovuto incontrarla la mattina stessa, qualcun altro che l'aveva vista nei giorni scorsi, tranquilla ma forse triste e preoccupata. 

fabio trabacchin-2

Le preoccupazioni maggiori di Elisa, stando a quanto ricostruito dai carabinieri, erano legate soprattutto a questa separazione difficile con il marito Fabio, coetaneo, autotrasportatore. Si erano lasciati da tempo dopo un matrimonio degenerato negli anni ma continuavano a vivere sotto lo stesso tetto, dormendo in camere separate, perché avevano difficoltà a trovare un'altra sistemazione e non riuscivano a raggiungere un accordo sulle condizioni della separazione e sull'affidamento della bambina. Erano questi i motivi maggiori di litigio tra i due, l'ultimo avvenuto proprio alle 4 di ieri mentre la bambina dormiva nella sua stanza. 

Questa sera, 11 giugno, alle 21, si terrà una veglia di preghiera per Elisa nella parrocchia San Francesco di Cisterna. A darne notizia è stato il parroco don Joseph. "E' il momento del dolore, del silenzio e della riflessione per la nostra città, colpita ancora una volta da una terrificante tragedia", è invece il commento del Comune e del sindaco Mauro Carturan affidato al profilo Facebook dell'ente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco la prima mascherina senza elastici: l’idea di un giovane di Priverno

  • Aperte anche le spiagge libere, ecco le regole: bagno fino alle 19 e distanze di sicurezza

  • Coronavirus: nel Lazio 21 nuovi casi, in provincia 544 contagi totali

  • Stagione balneare al via, si torna al mare anche a Sabaudia: tutte le regole e i divieti

  • Coronavirus: nuovi contagi distribuiti nei comuni di Latina, Maenza, Priverno e Cisterna

  • San Felice Circeo, stagione balneare al via ma solo per prendere il sole: vietato il bagno in mare

Torna su
LatinaToday è in caricamento