Uccisero un connazionale a calci e pugni, a giudizio per omicidio

I due romeni avevano picchiato il coinquilino per faceva rumore. Il 4 aprile il processo davanti alla Corte d'Assise

Sono stati rinviati a giudizio con l’accusa di omicidio Dan Puiu, 38 anni e Madalin Bogdan di 19, ritenuti responsabili della morte del connazionale Constatin Badalau il cui corpo era stato ritrovato in un appartamento di via Moscarello a Cisterna il 4 marzo dello scorso anno.

I due stranieri questa mattina sono comparsi davanti al giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Latina Giuseppe Cario al quale il pubblico ministero Giuseppe Miliano, titolare dell’indagine, al termine della requisitoria ha chiesto il rinvio a giudizio, richiesta accolta dal gip. Puiu e Bogdan, assistiti dagli avvocati Angelo Palmieri e Cesare Gallinelli, dovranno comparire davanti alla Corte di Assise di Latina presieduta da Gian Luca Soana il 5 aprile prossimo.  

I due imputati avrebbero ucciso Badalau, che abitava con loro, perché faceva troppo rumore e li disturbava durante il sonno: così lo avrebbero picchiato fino ad ammazzarlo poi, con l’aiuto delle due donne che abitavano con loro, avevano ripulito l’abitazione per poi cercare di convincere gli investigatori che la vittima era morta in seguito ad una caduta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al lido di Latina: carabiniere si toglie la vita con un colpo di pistola

  • Il paziente piange, l'infermiera del reparto covid si ferma e lo rassicura. Lo scatto diventa virale

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Coronavirus Latina, altra impennata: 382 nuovi casi in provincia. Un decesso

  • Coronavirus Latina: in provincia sono 147 i nuovi casi. Altri tre decessi

  • Coronavirus Latina: sono 119 i nuovi casi positivi in provincia. Un altro decesso

Torna su
LatinaToday è in caricamento