Morte di Desirée, la mamma in aula: “L’abbiamo cercata ininterrottamente per due giorni”

A Roma udienza fiume del processo per l’omicidio della 16enne di Cisterna

Lo stabile in cui è morta la 16enne di Cisterna

Parola alla mamma, alla nonna e alle zie di Desirée Mariottini nell’udienza del processo per la morte della 16enne di  Cisterna che si è tenuta ieri davanti alla Corte di Assise di Roma e che vede sul banco degli imputati Alinno Chima, Mamadou Gara, Yusef Salia e Brian Minth, tutti accusati di omicidio volontario, violenza sessuale aggravata e cessione di stupefacenti a minori.

Particolarmente toccante la deposizione di Barbara Mariottini, costituitasi parte civile con l’avvocato Maria Belli, che ha ripercorso la vita della figlia, quel piccolo handicap che la rendeva claudicante e che l’aveva anche resa vittima di atti di bullismo, il suo allontanarsi dalla scuola. Poi il ricordo dei due giorni drammatici, quelli dalla scomparsa fino al ritrovamento del corpo nello stabile di via dei Lucani.

Parla la madre di Desirée a Porta a Porta: "Con le cure obbligatorie sarebbe viva"

“L’abbiamo cercata per due giorni ovunque, a Cisterna ma anche a Latina, non abbiamo mai smesso fino a quando non è arrivata la telefonata con cui ci avvisavano che era stata trovata a Roma”. Nonostante il dolore e le lacrime la mamma della 16enne ci tiene a sottolineare come sua figlia sia stata sempre seguita, amata  e curata. Un aspetto che hanno ribadito anche la nonna, assistita dall’avvocato Teresa Ciotti, e le due zie di Desirée. Al termine dell’udienza, durata dalle 9.45 fino alle 18.30 salvo una breve interruzione, il processo è stato rinviato al 27 gennaio per ascoltare le testimonianze del nonno e del padre di Desirée, di alcuni operatori di polizia e dei medici legali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Daniele Nardi: a un anno dalla scomparsa la moglie racconta l'impresa sul Nanga Parbat

  • Incidente sulla Pontina: perde il controllo dell’auto, muore un uomo di 39 anni

  • Coronavirus, Comune di Sezze: “Due pullman in arrivo da Venezia. Situazione monitorata”

  • Coronavirus, Regione: “Scuole chiuse nel Lazio e manifestazioni pubbliche vietate? Fake news”

  • Coronavirus, arriva l'ordinanza della Regione Lazio: misure di prevenzione e profilassi

  • Sette etti di cocaina e un revolver nascosti in casa: blitz e arresto della squadra mobile

Torna su
LatinaToday è in caricamento