Rifiuti, con la "soluzione" per Roma ora Cisterna rischia l'emergenza

Incognita sul conferimento dell'organico. Su 15 impianti solo uno disponibile ad accogliere le 80 tonnellate settimanali provenienti dalla cittadina

La “soluzione rifiuti” per la città di Roma rischia di far scoppiare l’emergenza in tutti gli altri comuni, Cisterna compresa. Il sindaco Mauro Cartura, il presidente della Cisterna Ambiente Diego Cianchetti, il direttore tecnico dell’azienda Danilo Peretti e il dirigente comunale Luca De Vincenti, hanno annunciato questa mattina che, probabilmente dalla fine di questa settimana, non sarà più possibile ritirare la frazione umida vanificando così l’obbligo di legge dell’aumento della differenziata, con il rischio di far collassare le discariche dell’indifferenziato.

Conferenza_DeVincenti_Carturan_Cianchetti_Peretti_1 (1)-2

La Cisterna Ambiente aveva stipulato accordi per il conferimento dell’organico con tre impianti diversi ma l’ordinanza di liberare urgentemente Roma dai suoi rifiuti ha, di fatto, chiuso i cancelli non solo dei tre impianti ma anche di altri 15 finora consultati. Il rischio, dunque, è che se non verrà trovata una soluzione, per Cisterna come per tanti altri comuni, l’organico non potrà essere raccolto non si sa fino a quando e dovrà quindi confluire nell’indifferenziato che aumenterebbe notevolmente, con il pericolo di una vera emergenza igienico-sanitaria per l’accumulo di rifiuti nelle strade e le temperature estive. 

Circa 80 tonnellate di organico, compreso lo sfalcio e potatura, dalla prossima settimana potrebbero non essere conferite. Sul caso il sindaco Carturan  ha inviato una nota al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, al presidente della Provincia di Latina Carlo Medici, al prefetto Maria Rosa Trio e al Questore Rosaria Amato. “A seguito delle sopravvenute condizioni funzionali e operative riguardanti la gestione del ciclo integrato dei rifiuti urbani in dipendenza delle note difficoltà della Capitale, sono a rappresentare uno scenario di riverberante criticità in ambito territoriale locale - si legge nella nota del primo cittadino - In particolare risulta un’improvvisa impossibilità di accettazione della frazione organica dei rifiuti urbani da parte degli impianti di trattamento ancorché regolarmente contrattualizzati con il nostro operatore e gestore del servizio igiene urbana. Questo impedisce, a cascata, il mantenimento della raccolta che, inevitabilmente, andrà ad aumentare volumi e quantità dell’indifferenziata invece destinata al trattamento meccanico biologico. L’effetto immediato della situazione sopra rappresentata è l’impossibilità da parte del nostro Ente comunale di perseguire l’obiettivo di aumento della raccolta differenziata prescritto per legge".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Inoltre - aggiunge Carturan - è altamente probabile un prossimo sovraccarico dell’impianto di trattamento meccanico biologico d’ambito, anche tenuto conto dei contingenti volumi provenienti da Roma oltre che dall’aumento dei rifiuti determinato dalla situazione attuale. Un rischio di incapienza che, a quel punto, verrebbe a determinare uno stato di vera e propria emergenza territoriale. Si chiede pertanto da un lato di adottare efficaci e tempestive misure volte a ripristinare le normali condizioni di funzionalità del ciclo dei rifiuti, dall’altro di evitare che la contingente emergenza romana danneggi il nostro ambito”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: nel Lazio 1219 nuovi casi, numeri record in provincia. D’Amato: “Questi i giorni più difficili”

  • Incidente a Sabaudia sulla Migliara 53, scontro tra auto e furgone: muore un ragazzo, due feriti

  • Piazza del Popolo torna agli anni ’70: a Latina le riprese del film "L’Arminuta"

  • Coronavirus Latina, 126 nuovi casi. Sotto osservazione zone della movida e coprifuoco

  • Coronavirus Latina: i contagi non si fermano, 84 casi in più in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus, nuovo picco di contagi: sono 75 in provincia, 22 solo a Latina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento