Cisterna, scatta il sequestro sul terreno incendiato: a fuoco cumuli di rifiuti

Denunciato il proprietario che aveva creato una vera discarica a cielo aperto

Sequestro dell'area e denuncia del proprietario. Si è concluso l'accertamento della polizia locale dopo il violento incendio divampato il 13 agosto scorso a Cisterna, in via San Marco, località Sant'Ilario. Il rogo aveva investito anche diversi terreni incolti e una notevole quantità di rifiuti, tra materiale ferroso e plastico, parti di veicoli, motori. Era andata a fuoco una vera e propria discarica a cielo aperto.

Le verifiche da parte degli agenti della polizia locale di Cisterna hanno consentito di accertare che il proprietario del terreno aveva, nel corso degli anni, accumulato un'enorme quantità di materiale violando le più comuni norme di rispetto dell’ambiente e di sicurezza. Proprio il grande accumulo di rifiuti è stato la causa del propagarsi dell’incendio che ha finito per coinvolgere un'area particolarmente vasta.

Sempre nel corso degli accertamenti sul terreno incendiato è inoltre emersa la presenza di tre manufatti abusivi, per i quali sono scattate le comunicazioni all’autorità giudiziaria e le sanzioni amministrative.  L’area, che interessa una superficie di oltre 1000 metri quadrati, è stata sottoposta a sequestro e il responsabile, M.V., classe 1973, sarà denunciato all'autorità giudiziaria per i reati in materia ambientale e abuso edilizio. I monitoraggi del territorio continuano al fine di verificare il rispetto delle norme. Nei prossimi mesi i controlli verranno intensificati ed estesi anche alle zone periferiche della città. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: perde il controllo dell’auto, muore un uomo di 39 anni

  • Coronavirus, arriva l'ordinanza della Regione Lazio: misure di prevenzione e profilassi

  • Coronavirus, Comune di Sezze: “Due pullman in arrivo da Venezia. Situazione monitorata”

  • Coronavirus, Regione: “Scuole chiuse nel Lazio e manifestazioni pubbliche vietate? Fake news”

  • Sette etti di cocaina e un revolver nascosti in casa: blitz e arresto della squadra mobile

  • Camionista di Sezze denunciato dai carabinieri a Pordenone: guidava in stato di ebbrezza

Torna su
LatinaToday è in caricamento