Traffico illecito di rifiuti a Cisterna, tornano in libertà due imprenditori arrestati

Il Tribunale del Riesame ha disposto la scarcerazione dei titolari della Centro Rottami srl

Sono tornati in libertà Gennaro e Leopoldo Del Prete, i due imprenditori di Cisterna arrestati il 21 maggio scorso nell’ambito di un’operazione sul traffico illecito di rifiuti coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Roma.  Il Tribunale del Riesame di Roma ha accolto il ricorso presentato dagli avvocati Giuseppe Napoleone e Marta Censi e ha quindi disposto la scarcerazione di entrambi.

Per quanto riguarda Leopoldo, detenuto a Roma, ne è stata disposta la scarcerazione ed è stata disposta una misura interdittiva che gli vieta di esercitare l’attività imprenditoriale per un anno. Il figlio Gennaro, che si trovava agli arresti domiciliari, è stato scarcerato con il semplice obbligo di firma tre giorni a settimana. I Del Prete, titolari della Centro Rottami srl di Cisterna, erano stati raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip del Tribunale di Roma insieme ad altre 25 persone durante un blitz interforze tra la capitale e Latina: l’accusa è quella di traffico illecito di rifiuti, riciclaggio e autoriciclaggio.Nei prossimi giorni i legali chiederanno al Riesame il dissequestro dell’azienda che è stata posta sotto sequestro con tutti i mezzi e i beni dei due indagati e che attualmente è gestita da un amministratore giudiziario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al lido di Latina: carabiniere si toglie la vita con un colpo di pistola

  • Il paziente piange, l'infermiera del reparto covid si ferma e lo rassicura. Lo scatto diventa virale

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Coronavirus Latina, altra impennata: 382 nuovi casi in provincia. Un decesso

  • Coronavirus: Lazio in zona arancione. Nuove restrizioni anche per la provincia di Latina

  • Coronavirus Latina: in provincia sono 147 i nuovi casi. Altri tre decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento