menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spiagge senza bagnino e occupazioni abusive dei tratti liberi, controlli e multe da Scauri a Latina

Il bilancio dei controlli del fine settimana sul litorale da parte degli uomini della Guardia Costiera

Fine settimana di intenso lavoro per gli uomini della Guardia Costiera del Compartimento marittimo di Gaeta che hanno operato per verificare il rispetto delle norme di tutela della sicurezza della navigazione e della sicurezza della balneazione. Trenta in totale i militari impiegati nelle pattuglie di terra e a bordo dei 3 mezzi navali in servizio di polizia marittima. Numerosi i controlli effettuati dalle pattuglie terrestri lungo tutto il litorale compreso tra le spiagge di Scauri di Minturno e quelle di lido di Latina, per verificare la presenza dell’assistente bagnanti presso gli stabilimenti balneari con le dotazioni idonee per il salvamento, previste dalle Ordinanze di Sicurezza Balneare della Guardia Costiera di Gaeta, di Terracina e di Ponza.

I militari hanno accertato la violazione della normativa che obbliga i concessionari nonché i noleggiatori di attrezzature balneari a fornire un adeguato servizio di salvamento con le relative dotazioni, constatando l’assenza del bagnino di salvataggio, provvedendo così ad elevare ai trasgressori, sulle spiagge del Comune di Formia e del Comune di Fondi, quattro multe per oltre 4mila euro.  

Numerosi i controlli effettuati anche a mare dal personale delle motovedette, nei confronti dei conduttori delle unità da diporto, allo scopo di accertare eventuali violazioni alla normativa che disciplina le attività diportistiche.

A seguito dei controlli, finalizzati anche al rilascio del bollino blu a favore dei diportisti virtuosi, sono state accertate violazioni riguardanti la normativa che impone i limiti di distanza dalle spiagge e dai costoni rocciosi per la tutela della zona riservata alla balneazione.

In particolare, nelle acque antistanti la spiaggia dell’Arenauta a Gaeta il personale imbarcato ha provveduto a sanzionare con due verbali amministrativi per oltre 500 euro, due conduttori di unità da diporto che con la propria imbarcazione si erano spinti all’interno della fascia riservata alla balneazione.

Infine, nell’ambito dei controlli effettuati sul demanio marittimo, i militari della Guardia Costiera di Formia hanno provveduto a restituire alla pubblica fruizione una porzione di circa 50 metri quadrati di spiaggia libera arbitrariamente occupata mediante la preinstallazione di attrezzature balneari senza la preventiva richiesta della clientela.

Si è proceduto, pertanto, all’identificazione dell’autore della condotta illecita e alla diffida per la rimozione di tutto il materiale posizionato per un totale di oltre 15 attrezzature (fra ombrelloni, lettini e sdraio): anche qui è scattata una multa per oltre mille euro.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento