Quattro arresti e 11 denunce della polizia in una settimana. Lotta senza sosta allo spaccio

Il bilancio dell’attività che ha portato anche a 106 posti di blocco: controllati 1436 persone e 714 veicoli; 75 le contravvenzioni

Quattro arresti e 11 denunce: questo il bilancio dell’attività della polizia nella prima settimana di novembre. Inoltre, dal 2 al 7 di questo mese la Questura di Latina ha messo in campo oltre 225 equipaggi della Polizia di Stato, cui si sono aggiunte anche 6 unità del Reparto Prevenzione Crimine Lazio, che hanno permesso di identificare, nel corso di 106 posti di blocco, 1436 persone, controllare 714 veicoli ed elevare 75 contravvenzioni per violazioni al codice della strada, con il ritiro di 6 carte di circolazione e 1 patenti.

Quattro gli arresti 

Uno degli arrestati è un uomo di origini napoletane di 43 anni residente a Bergamo responsabile di una efferata rapina a mano armata ai danni di una sala giochi del capoluogo orobico consumata lo scorso agosto. L’uomo sfuggito all’arresto, è stato individuato presso l’abitazione di un amico residente a Santi Cosma e Damiano con il blitz scattata all’alba di martedì e che ha portato al suo  arresto, in esecuzione della misura cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Bergamo lo scorso 29 ottobre. Il rapinatore partenopeo, è stato associato presso la Casa Circondariale di Roma Regina Coeli.

Un uomo di 39 anni è stato poi arrestato per detenzione ai fini di spaccio dopo che una donna di 40 anni è finita all’ospedale Goretti di Latina dopo aver assunto cocaina e metadone.Le immediate indagini della Squadra Mobile hanno portato al 39enne già noto per i suoi specifici precedenti, ritenuto l’autore della cessione della cocaina alla donna. Nel corso della conseguente perquisizione domiciliare sono stati sequestrati 3 grammi di cocaina, già suddivisi in 10 involucri corrispondenti ad altrettante dosi pronte per essere cedute, oltre al necessario bilancino di precisione utilizzato per la preparazione delle dosi stesse.

Gli uomini della squadra volante ieri hanno arrestato un 34enne sempre per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Fermato per un controllo mentre era alla guida di una Range Rover Sport con il suo comportamento ha attirato l’attenzione dei poliziotti che hanno deciso di perquisire l’auto e, successivamente, anche l’abitazione dell’uomo rinvenendo tre buste in cellophane, con circa 130 grammi di marijuana, una pianta essiccata di marijuana dell’altezza di circa un metro, una busta in plastica contenente della sostanza da taglio del peso di quasi 200 grammi, due bilance di precisione, un paio di forbici e materiale per il confezionamento. Sono stati sequestrati anche 1.570 in banconote di vario taglio, evidentemente frutto della vendita dello stupefacente. L’uomo è stato quindi tratto in arresto e posto ai arresti domiciliari presso la propria abitazione, in attesa dell’udienza di convalida presso il Tribunale di Latina.

Infine nella rete deo controlli della polizia è finito anche un giovane non ancora ventenne: il blitz nella sua abitazione è scattato in seguito ad una minuziosa attività investigativa. Sorpreso, il giovane non ha avuto il tempo di disfarsi dei quasi 62 grammi di stupefacente occultato in una scatola sul balcone di casa, né ha saputo fornire una valida spiegazione che giustificasse il possesso di denaro contante pari ad euro 2.080, in banconote di vario taglio, posto sotto sequestro e ritenuto il frutto dell’illecito traffico. A completare il quadro, un bilancino elettronico di precisione, un paio di forbici e materiale per il confezionamento dello stupefacente, tutto sequestrato. Al termine delle operazioni, il giovane è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

Undici persone denunciate

Sono poi 11 le persone denunciate per reati che vanno dalla minaccia, alla truffa informatica, alla violazione degli obblighi familiari e uno per la violazione degli obblighi di Sorveglianza Speciale di P.S. cui è sottoposto. Infine i poliziotti della Squadra Volante  sono intervenuti in centro dopo che un 33enne, sebbene gravato dalla misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare, si era presentato nuovamente presso il proprio domicilio con il pretesto di dover recuperare degli effetti personali. E’ stato denunciato 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vaccini agli over 80: avviso ai medici di medicina generale. Si parte il primo febbraio

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Coronavirus: Lazio in zona arancione. Nuove restrizioni anche per la provincia di Latina

  • Coronavirus, Latina e il Lazio in zona arancione: quali i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus Latina, cresciuti i casi di tipo familiare. Al Goretti situazione di “continuativa emergenza”

  • Arma dei Carabinieri, 28 Marescialli della provincia promossi al grado di Luogotenente

Torna su
LatinaToday è in caricamento