Cronaca

“Stazioni sicure”: maxi operazione della polizia ferroviaria negli scali del Lazio

L’attività ha portato ad un arresto e due denunce; 1.617 persone controllate e 199 bagagli ispezionati. Svolti anche servizi di vigilanza su 15 treni

Ha interessato anche gli scali ferroviari del Lazio la IV giornata denominata "Stazioni Sicure" che si è svolta ieri, 29 giugno, con controlli straordinari a viaggiatori e bagagli, nei principali scali ferroviari e a bordo dei treni regionali ed a lunga percorrenza. Il bilancio dell’attività condotta dalla polizia ferroviaria ha portato ad un arresto e due denunce; sono state 1.617 le persone controllate e 199 bagagli ispezionati, 2 le sanzioni amministrative al regolamento Polfer e 7 servizi di vigilanza a bordo di 15 treni.

L'operazione, che ha visto impegnati 157 operatori del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Lazio, è stata disposta contemporaneamente in tutte le principali stazioni ferroviarie italiane dal Servizio Polizia Ferroviaria, nell'ambito di un piano nazionale di controlli straordinari, allo scopo di contrastare le attività illecite e prevenire possibili azioni improntate all'illegalità.

Sono stati 59 gli scali ferroviari presenziati dagli operatori della Polfer al fine di prevenire eventuali attività delittuose, quali attraversamento binari, salita o discesa da convogli in movimento, indebita presenza sulla linea ferroviaria, attraversamento di passaggi a livello chiusi o in movimento, che sono spesso causa di incidenti ferroviari. In particolare un cittadino libico di 35 anni è stato arrestato dagli agenti della Polizia Ferroviaria di Roma Termini per il reato di furto aggravato di indumenti all’interno di un esercizio commerciale della stazione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Stazioni sicure”: maxi operazione della polizia ferroviaria negli scali del Lazio

LatinaToday è in caricamento