Coronavirus, parla il direttore scientifico dello Spallanzani: "Nessun tampone agli asintomatici"

Tutti i chiarimenti da parte di Giuseppe Ippolito durante un incontro con la stampa estera: "Essere positivi non significa essere contagiosi". Intanto, sono risultati negativi tutti i test

Il presidio sanitario mobile allo Spallanzani

"Si sta lavorando affinché in Italia vengono comunicati, per il coronavirus, solo i casi positivi e clinicamente evidenti, dunque con sintomi, i pazienti in rianimazione e i morti. Esattamente come avviene negli altri Paesi del mondo". A spiegarlo è Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell'Istituto Lazzaro Spallanzani che, in conferenza alla Stampa estera, ha fatto il punto della situazione sulla diffusione del Coronavirus e spiegato l'importanza di comunicare solo numeri relativi a casi reali, come accade negli altri Paesi. "I casi positivi e i tamponi fatti per qualsiasi altro motivo - aggiunge - andranno in una lista separata, estremamente importante per la definizione della situazione epidemiologica". In sostanza, "non si effettueranno tamponi a cittadini asintomatici né si rilasciano certificazioni di negatività alla infezione da nuovo Coronavirus finalizzati al rientro al lavoro". 

"Essere positivo al Covid-19 - ha spiegato ancora il direttore scientifico Ippolito rispondendo alle domande dei giornalisti della Stampa estera - non significa essere contagioso. Ma le persone positive devono stare 'fuori dal circuito', quindi isolati. Il periodo di contagiosità - ha precisato - è diverso dal periodo di trasmissione. La probabilità massima in cui c'è trasmissibilità del virus è il momento in cui la persona è sintomatica". Un'altra spiegazione riguarda poi il ricorso alle mascherine: "Al momento attuale non è necessaria la corsa alle mascherine". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus: l'ordinanza della Regione Lazio

Intanto dall'Istituto Spallanzani arriva anche oggi la conferma che i test effettuati sono tutti negativi nel Lazio: "Sono stati valutati, ad oggi, presso la nostra accettazione 167 pazienti, di questi, 120, risultati negativi al test, sono stati dimessi. Quarantasette sono i pazienti tutt'ora ricoverati. Il giovane studente italiano (Niccolò n.d.r) sta concludendo il periodo di osservazione, la coppia cinese, attualmente ricoverata in degenza ordinaria, prosegue nel percorso di risoluzione della sintomatologia clinica". L'ospedale, nel suo quotidiano bollettino, "rinnova l'invito ai cittadini a seguire le indicazioni e le procedure nazionali e regionali: non presentarsi spontaneamente né alla accettazione del nostro istituto, né nei pronto soccorso della Regione, senza aver preventivamente consultato, telefonicamente, il medico o pediatra di famiglia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa di nozze con 80 invitati, arrivano i carabinieri: tutti multati

  • Coronavirus, allerta arancione nel Lazio: 795 casi. D'Amato: "Si teme un peggioramento"

  • Coronavirus, contagi inarrestabili. Nel Lazio quasi 600 nuovi casi, in provincia 47 in più

  • Coronavirus, l'ondata non si ferma: 64 nuovi contagi, 21 sono a Latina

  • Coronavirus: altri 49 contagi in provincia. I numeri più alti a Latina, Cisterna ed Aprilia

  • Coronavirus, 543 casi nel Lazio su 15.500 tamponi effettuati in 24 ore. Cinque morti, 112 guariti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento