menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, tre nuovi casi in provincia: tutti relativi al cluster di Priverno

L'aggiornamento della Asl. Nel mirino il centro dialisi, dove era in cura un paziente risultato positivo. La buona notizia: 400 i guariti

Rispetto alla giornata di ieri, 17 maggio, con quattro casi positivi, la provincia pontina segna oggi tre nuovi pazienti covid. Tutti trattati a domicilio e tutti nel comune di Priverno. Arrivano dunque a 533 i pazienti trattati complessivamente da inizio emergenza, 33 i ricoverati, mentre arrivano a 400 i pazienti negativizzati e restano 32 i decessi. Sono 177 le persone ancora in isolamento domiciliare, 10.193 hanno terminato la quarantena, 101 gli attuali positivi.

I nuovi casi sono relativi a un nuovo cluster di Priverno riferito al centro dialisi del comune. Dopo il ricovero del 15 maggio di un cittadino risultato positivo al tampone, sono stati effettuati altri tamponi sia ai suoi familiari sia al personale e ai pazienti del centro dialisi perché, come ha specificato il sindaco Anna Maria Bilancia, il paziente è un dializzato che ha frequentato la struttura di Priverno. Nella giornata del 17 maggio sono risultate altre due persone positive ma asintomatiche, una di Priverno e una di Roccagorga, risultate dal bollettino Asl. 

Ora arrivano gli esiti dei tamponi effettuati su altre persone riconducili al link dei tre casi di contagi degli ultimi giorni. "Purtroppo - commenta il sindaco di Priverno -  tre di loro sono risultati positivi al virus ma le persone coinvolte fortunatamente stanno bene. Continueranno così il loro isolamento da cui usciranno solo dopo il periodo previsto e dopo che i tamponi di controllo saranno negativi. Quindi, con questi tre casi di positività, sale a 5 il numero di persone di Priverno contagiate, più una persona di Roccagorga".

In queste ore intanto la Asl sta effettuando altri tamponi a persone che hanno avuto contatti con i cittadini positivi allo scopo di chiudere il cerchio dell'esposizione. "Questa vicenda - continua il sindaco Bilancia - ci dimostra ulteriormente che l'emergenza non è passata e che il rispetto delle regole e l'uso corretto dei dispositivi di sicurezza, soprattuttomascherine e igiene costante delle mani, sono le uniche armi per difenderci dal contagio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cultura

    Arte e Solidarietà: così Fondi diventa una città cardioprotetta

  • Eventi

    Bassiano protagonista di Borghi d’Italia

Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento