Crisi idrica nei centri Lepini: le proposte di Altritalia Ambiente

La nota del delegato regionale Cipriani a fronte dell’emergenza che da settimane interessa parte della provincia pontina: intervenire prima che i centri Lepini escano dal circuito turistico-culturale per mancanza d’acqua

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

“Da alcuni anni si pone il problema della riduzione o mancanza di acqua nei centri Lepini.

Tra le cause, le mutate condizioni meteo caratterizzate da lunghi periodi di siccità e scarse precipitazioni primaverili e per il 30-40% di acqua che si perde per le condizioni della rete distributiva. Se i Lepini piangono, non ride l’Agro pontino che vede abbassarsi la falda con l’infiltrazioni di acqua di mare nella stessa.

Se questo è vero la prima osservazione è quella di domandarsi: cosa ha fatto il gestore “Acqua Latina” in tanti anni? Ben poco se la rete è nelle condizioni in cui si trova e non vi è stato un progetto, un’iniziativa per affrontare la nuova situazione che si è determinata. 

Cosa Fare? La prima è quella di mandare a casa chi ha gestito tecnicamente e amministrativamente “Acqua Latina”. La seconda è quella di promuovere una 'Convention' straordinaria di ingegneri idraulici, geologi, ambientalisti  riconosciuti e amministratori locali e regionali. Lo scopo? Sarà quello di studiare nuovi modi di gestione dell’acqua pubblica, la possibilità di creare bacini di raccolta delle acque meteoriche e dei fossi collinari e verificare le condizioni della rete idrica con l’obiettivo di rinnovarla a tratti.

Infine, essendo l’acqua un patrimonio pubblico che ha ripercussioni sulla salute delle persone, sulla protezione della natura e degli ecosistemi si potranno fare progetti che potrebbero essere finanziati dall’Unione Europea.

Questo  da farsi al più presto prima che i centri Lepini escano dal circuito turistico-culturale per mancanza d’acqua a iniziare dal mio paesello che è Maenza".

Così in una nota Felice Cipriani delegato per il Lazio di “Altritalia Ambiente”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento