Cronaca

Crisi idrica, continuano i disagi a Formia: cittadini sul piede di guerra

La situazione non dà tregua e sono molti i residenti che lamentano disagi e disservizi. Più colpite le zone di Castellone, San Remigio, Pagnano, Santa Maria la Noce

Sono sul piede di guerra i cittadini di Formia, che da giorni sono alle prese con la mancanza d’acqua per un guasto nella rete e con interruzioni del flusso idrico programmate da Acqualatina per ripristinare il livello dei serbatoi. La crisi idrica che sta investendo il sud pontino non dà tregua e nonostante i ripetuti incontri con i vertici di Acqualatina e le rassicurazioni arrivate dalla società che gestisce il servizio, continuano i disagi, in particolare nelle zone di Castellone, rimasta a secco per diversi giorni, San Remigio, Pagnano e Santa Maria la Noce.

L’interruzione idrica programmata, anche nella notte passata, ha riguardato invece le zone est e ovest della città, dalle 20 di ieri sera alle 5 di oggi.  Due problemi che si sommano dunque, e che rasentano l’emergenza.

L’amminsitrazione comunica costantemente ogni aggiornamento sulla pagina Facebook, ma i commenti indignati degli utenti non si fanno attendere. E sono in molti a scagliarsi contro Acqualatina, con i disservizi, con la “rete inadeguata e obsoleta” . C’è chi invece fa appello al Comune per mantenere il “pugno duro” con la società e qualcuno che addirittura propone una mobilitazione dei cittadini sotto gli uffici di Acqualatina.  Il problema maggiore però restano anziani e disabili, per i quali l’amministrazione ha garantito l’erogazione dell’acqua a domicilio. Preoccupazione anche da parte dei commercianti in vista di una stagione estiva appena cominciata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi idrica, continuano i disagi a Formia: cittadini sul piede di guerra

LatinaToday è in caricamento