Tragedia di Ventotene, condanne confermate in appello per i quattro imputati

Nel crollo di un costone a Cala Rossano rimasero uccise Sara Panuccio e Francesca Colonnello. Il procuratore generale aveva chiesto la conferma della sentenza emessa in primo grado Giuseppe Assenso, Pasquale Roma, Vito Biondo e Luciano Pizzuti

Processo d’appello per la tragedia di Ventotene, in cui, il 20 aprile del 2010, persero la vita le due giovani studentesse romane Sara Panuccio e Francesca Colonello. La Corte d’Appello di Roma ha confermato le condanne di primo grado per i quattro imputati del processo per omicidio colposo, così come richiesto dal procuratore generale.

L’ex sindaco Giuseppe Assenso e Pasquale Romano, responsabile dell’ufficio tecnico del Comune, sono stati quindi condannati a due anni e quattro mesi, mentre a carico di Vito Biondo, anche lui ex primo cittadino dell’isola, e per Luciano Pizzuti, ingegnere del Genio Civile, è stata confermata la condanna a un anno e dieci mesi con sospensione della pena.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le due studentesse di Roma si trovavano in gita scolastica sull’isola di Ventotene ed erano sulla spiaggia di Cala Rossano quando vennero travolte dal crollo di un costone. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i contagi non si fermano: 139 nuovi casi nel Lazio e 11 in provincia

  • Latina, operazione "Dirty Glass": i nomi degli arrestati. Tra loro anche due carabinieri

  • Coronavirus, casi ancora in forte aumento: 165 in più nel Lazio e 23 in provincia

  • Operazione Dirty Glass: riciclaggio, estorsione e corruzione. Ecco i ruoli dei personaggi coinvolti

  • Operazione Dirty Glass: chi è Natan Altomare, "soggetto scaltro e pericoloso"

  • “Spregiudicato e di grande caratura criminale”: ecco chi è Luciano Iannotta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento