Cronaca

Crollo a Ventotene, condanne confermate per i due ex sindaci

Diventano definitive le condanne a carico di Giuseppe Assenso e Vito Biondo. Annullate con rinvio le altre due per il funzionario del Comune e l'ingegnere del Genio civile

Diventano definitive le condanne per omicidio colposo a carico dei due ex sindaci di Ventotene, Giuseppe Assenso e Vito Biondo, per la morte delle due studentesse romane, Sara Panuccio e Francesco Colonnello, decedute ad aprile del 2010 durante una gita scolastica sull’isola.

I giudici della Cassazione hanno confermato la condanna a due anni e quattro mesi per Assenso, il primo cittadino che era in carica durante la tragedia, e ad un anno e dieci mesi per Biondo. Annullate invece con rinvio in appello le condanne di Pasquale Romano, ex responsabile dell’ufficio tecnico del Comune di Ventotene, e Luciano Pizzuti, ingegnere del Genio Civile. Il primo era stato condannato a due anni e quattro mesi, l’altro a un anno e dieci mesi. Entrambi dovranno essere di nuovo processati in Appello, ma il rischio è che in realtà subentri la prescrizione.

Crollo di Ventotene, le condanne in primo grado

Le due studentesse di Roma stavano partecipando a una gita scolastica sull’isola quando furono travolte dal crollo di un costone di roccia sulla spiaggia di Cala Rossano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crollo a Ventotene, condanne confermate per i due ex sindaci

LatinaToday è in caricamento