Cusani torna a fare il sindaco, l'opposizione: "Caso unico in Italia"

A parlare è il capogruppo della lista civica d'opposizione Sperlonga Cambia, Marco Toscano, dopo il reintegro di Armando Cusani nelle funzioni di primo cittadino. Il primo cittadino imputato e parte civile nello stesso processo

Un "caso politico unico in Italia". Così Marco Toscano, capogruppo della lista civia d'opposizione Sperlonga Cambia definisce il ritorno di Armando Cusani alla poltrona di primo cittadino dopo l'inchiesta Tiberio che lo ha travolto nei mesi scorsi facendolo finire agli arresti. "L’intera vicenda - accusa l'opposizione - è una sconfitta per le Istituzioni, per la politica e per la comunità sperlongana. Per il nostro paese le alternative sono, al tempo stesso, imbarazzanti e allarmanti. Essere amministrati dal sindaco Cusani, sotto processo per corruzione e appalti truccati, oppure dalla Giunta Cusani, che oltre ad avere quattro dei cinque assessori anch’essi indagati, negli ultimi mesi si è puntualmente dimostrata incapace e incompetente nella gestione dei problemi quotidiani".

Il capogruppo della civica fa appello al "rispetto delle istituzioni" e al "senso di responsabilità" che dovrebbero suggerire a "chiunque di dimettersi dal proprio incarico, separando il percorso giudiziario dalle vicende politiche". Ma Cusani, dopo essere tornato in libertà con i soli obblighi di firma, torna a fare il sindaco. "Questo - aggiunge Toscano - comporta che il primo cittadino di Sperlonga è al tempo stesso imputato e parte civile nel processo in corso a Latina per corruzione e appalti truccati. In più, lo stesso Cusani, in qualità di sindaco, dovrebbe eseguire l’ordinanza di demolizione (ora sospesa dal Tar) per un’opera abusiva realizzata dallo stesso Cusani come imprenditore. E ancora, il Cusani sindaco dovrà decidere se costituirsi parte civile contro il Cusani imprenditore nell’eventuale processo per lottizzazione abusiva dell’albergo Ganimede. La situazione è paradossale, al limite del ridicolo". 

La lista civica Sperlonga Cambia ritiene "auspicabile un intervento del Ministro dell’Interno Marco Minniti per valutare la presenza di cause di incompatibilità e i conflitti di interessi che interessano il sindaco Cusani".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento