Daniele Nardi, Bassiano si mobilita: intitolati anche una strada per il Semprevisa e il rifugio

La decisione con una delibera di giunta: all'alpinista di Sezze sarà dedicata la via per Campo Rosello

Anche il Comune di Bassiano si mobilita per intitolare una strada della Semprevisa a Daniele Nardi. All'alpinista di Sezze scomaparso sul Nanga Parbat l'amministrazione guidata da Domenico Guidi vuole intitolare la strada via Semprevisa fino alla località Campo Rosello. La decisione è stata ratificata da una delibera di giunta approvata nei giorni scorsi.

A Daniele sarà intitolata anche la parete Racuina, che diventerà "Parete Daniele Nardi". E infine all'alpinista setino e al suo compagno di spedizione Tom Ballard sarà dedicato il rifugio Liberamonte del Semprevisa."

L’intitolazione della strada alla memoria Nardi - si legge nel testo della delibera del Comune di Bassiano - vuole rappresentare per l’intera comunità il giusto riconoscimento al valore umano. Purr essendo nato in un territorio senza grandi tradizioni alpinistiche, sin da piccolo vive a contatto con le nostre montagne, come il suo amore per il Monte Semprevisa dove Il 10 luglio 2016, con una cerimonia celebrata sulla vetta della Semprevisa, Daniele Nardi si sposa". 

Intanto, è dei giorni scorsi la decisione di dedicare a Daniele anche una cima del monte Semprevisa, così come stabilito in un incontro tra la Compagnia dei Lepini e i sindaci dei comuni di Sezze e di Carpineto Romano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Usura e spaccio, Antonio Di Silvio intercettato: "Io non sono uno zingaro come gli altri"

  • Usura, estorsione e spaccio: otto arresti. In carcere anche Antonio Di Silvio

  • Preso con due etti di cocaina dopo un inseguimento, in lacrime davanti al giudice

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

  • Cinque chili di droga nascosta nell’armadio, impossibile dimostrare che era sua: assolto

  • Dramma a Terracina: uomo si toglie la vita impiccandosi a un ponte

Torna su
LatinaToday è in caricamento