La morte di Desirée: la Procura indaga per omicidio e violenza sessuale

Ieri l'autopsia sul corpo della giovane di Cisterna, che ha confermato i sospetti. Un supertestimone intervistato a Rai1 e ascoltato dagli investigatori

La Procura di Roma, secondo quanto riporta l'Ansa, indaga per omicidio e violenza sessuale per la morte di Desirée Mariottini, la ragazza di 16 anni di Cisterna trovata morta venerdì scorso in uno stabile abbandonato a Roma, in via dei Lucani, nel quartiere San Lorenzo. Ieri l'atroce verità emersa dall'autopsia: ci sarebbero tracce di droga e anche segni di violenza sessuale sul corpo della ragazza. Un supertestimone, intervistato nel programma Storie Italiane su Rai1 e ascoltato dagli investigatori, ha raccontato che la giovane sarebbe stata violentata da più persone, forse tre uomini, e poi uccisa. 

"L'hanno drogata e violentata, urlava", avrebbe raccontato il giovane testimone, un ragazzo senegalese, alla polizia. Proprio il supertestimone ha aggiunto altri particolari della tragedia parlando a Storie Italiane. Secondo il suo racconto Desirée si trovava sdraiata a terra nel cantiere abbandonato di via dei Lucani.  "C'erano sette persone" ha raccontato. "L'amica raccontava che era stata drogata e violentata". 

Salvini: "Non si può morire stuprati nel cuore di Roma"

La giovane viveva a Cisterna con la madre e una sorella più piccola. Quando venerdì notte non è tornata a casa, i familiari si sono subito preoccupati. Desirèe era infatti abituata ad avvisare sempre se si allontanava da casa. Così è scattata subito la denuncia. La tragica scoperta del corpo senza vita qualche ora dopo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Parla l'avvocato della famglia di Desirée

Intanto a San Lorenzo, sul muro dell'ex cantiere di via dei Lucani, è comparsa una scritta: "Giustizia per Desirèe: San Lorenzo non ti dimentica".

Il sindaco di Cisterna: "Una tragedia inconcepibile"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente nella notte sull'Appia, un morto e due feriti gravissimi

  • Coronavirus, due nuovi casi in provincia: positivi a Latina ed Aprilia

  • Coronavirus: un nuovo caso in provincia. Rilevati in aeroporto 36 positivi dal Bangladesh

  • Coronavirus, 14 casi nel Lazio. Regione: “A Terracina positivo un uomo del Bangladesh”

  • Coronavirus: nel Lazio 920 casi, 19 in più rispetto a ieri e 709 persone in isolamento domiciliare

  • Coronavirus, quattro nuovi casi positivi a Formia. L'annuncio del sindaco

Torna su
LatinaToday è in caricamento