rotate-mobile
Cronaca

Armi detenute illegalmente a Sezze e a Latina: due denunce

In due diversi controlli i carabinieri rinvengono due fucili posseduti irregolarmente: deferiti un giovane e una donna. Ad Aprilia un pregiudicato bolognese arrestato per estorsione

Due denunce a Sezze e Latina per armi detenute illegalmente. Sono state sporte d’ufficio dai carabinieri al termine di controlli che hanno riguardato un giovane nella cittadina lepina e una donna nel capoluogo.

Nella giornata di ieri i carabinieri della stazione di Sezze hanno denunciato a piede libero all’autorità giudiziaria un giovane del luogo. Durante la perquisizione domiciliare a cui è stata sottoposta dai militari l’abitazione di D.F., queste le iniziali del ragazzo deferito, è stato rinvenuto un fucile a doppia canna privo di matricola. Immediata è scattata la denuncia nei suoi confronti per detenzione illegale di armi.

Sempre ieri, ma a Latina, è stata denunciata a piede libero una donna che conservava in casa un fucile calibro 9 appartenuto al marito, deceduto da tempo, che lo aveva regolarmente denunciato. Ma alla vedova i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile hanno contestato la detenzione abusiva di armi.

Un arresto per estorsione e ricettazione è stato invece eseguito dai carabinieri di Aprilia. I militari hanno identificato G. C., un pregiudicato residente a Bologna ma domiciliato presso una comunità terapeutica di Reggio Emilia: contro di lui l’ufficio di sorveglianza della città emiliana aveva emesso un decreto di carcerazione per i reati di estorsione e ricettazione. L’uomo era fuggito dopo esser stato messo in prova ai servizi sociali. I carabinieri lo hanno arrestato e portato in carcere a Latina, in attesa del suo nuovo trasferimento a Reggio Emilia.

A Formia, infine, gli uomini dell’Arma hanno denunciato a piede libero, O. F., residente a Sora (Frosinone), per i reati di falsità materiale commessa dal privato, falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico e falsità in registri e notificazioni. È responsabile di aver falsamente prodotto e utilizzato documenti intestati a un’agenzia di pratiche auto per effettuare passaggi di proprietà e permessi provvisori di guida in favore di ignari acquirenti di autovetture poste in vendita. La documentazione è stata posta sotto sequestro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Armi detenute illegalmente a Sezze e a Latina: due denunce

LatinaToday è in caricamento