Digitalizzate le biblioteche dei Monti Lepini: libri accessibili a tutti in digitale

Presentata la digitalizzazione delle biblioteche del Sistema territoriale dei Monti Lepini: un progetto che vede coinvolte nella provincia pontina Sezze, Priverno, Roccagorga, Bassiano, Maenza, Cori e Norma

E’ stato presentato ieri a Sezze il progetto della digitalizzazione delle biblioteche del Sistema territoriale dei Monti Lepini. Una vera ed importante novità come è stato illustrato nel corso della conferenza stampa a cui hanno preso parte l’assessore alla Cultura della Regione Lazio Lidia Ravera, Quirino Briganti, presidente della Compagnia dei Lepini, Pietro Ceccano, assessore alla cultura di Sezze e Paola Di Veroli, assessore alla pubblica istruzione di Sezze.

Attraverso la nuova piattaforma del sistema sarà possibile ottenere informazioni, effettuare consultazioni, accedere gratuitamente  a migliaia di prodotti e-book, musica, cinema e video. 

“Più servizi con le biblioteche dei Monti Lepini online”

“Le biblioteche del Lazio si mettono online per valorizzare il catalogo e renderlo accessibile a tutti in digitale. I supporti digitali affiancano e potenziano i servizi tradizionali - ha commentato l’assessore Ravera -. Non a caso la sala del museo archeologico di Sezze oggi era piena di studenti. Avere accesso a un milione e settecentomila libri da una app del cellulare, poter consultare, prenotare libri, manuali, corsi di lingua, poter ascoltare musica e vedere filmati è una grande novità. Il racconto della digitalizzazione del sistema bibliotecario dei Monti Lepini ha stimolato la loro fame di cultura. Con questa iniziativa, come il progetto Genti Lepine finanziato per 100mila euro dalla Regione Lazio sulla memoria e identità del territorio, le biblioteche, che da anni fanno parte dell'organizzazione bibliotecaria regionale e che sosteniamo anche economicamente, si confermano avamposti di alfabetizzazione, sensibili alle istanze della comunitá contemporanea”.

La digitalizzazione delle biblioteche dei Monti Lepini

Con la piattaforma digitale sarà possibile consultare il catalogo delle biblioteche online, effettuare ricerche sul patrimonio librario, localizzare i libri cercati, individuare i posizionamenti sullo scaffale, visionare la copertina del testo e leggere un abstract del testo; attraverso la piattaforma digitale si potrà accedere a ulteriori contenuti digitali, più di 1.550.000 risorse gratuite, dagli e-book agli audiolibri, dalla musica all’e-learning attraverso la Rete Indaco. Si potrà accedere alla piattaforma anche attraverso una APP del Sistema territoriale delle biblioteche che permetterà di avere accesso da qualunque luogo. 

Del sistema territoriale dei Monti Lepini fanno parte le biblioteche comunali di Sezze centro e Sezze scalo, la biblioteca comunale di Priverno, la biblioteca comunale di Roccagorga, la biblioteca comunale di Bassiano, la biblioteca comunale di Maenza, la biblioteca comunale di Carpineto Romano, la biblioteca comunale di Segni, la biblioteca comunale di Cori, la biblioteca comunale di Norma.

“La digitalizzazione delle biblioteche – sottolinea il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti – rappresenta un risultato importante per il territorio dei Monti Lepini migliorando la fruizione dei servizi e in generale il rapporto con gli utenti, soprattutto i giovani. Grazie alla tecnologia, infatti, il patrimonio bibliotecario entra in una logica quotidiana che genera maggiore informazione e nuove opportunità in ambito culturale. Da quando ci siamo insediati alla Regione abbiamo sostenuto la rete delle biblioteche del Lazio, vale a dire 258 biblioteche e 10 sistemi bibliotecari che compongono l’organizzazione bibliotecaria regionale (O.B.R.), da ultimo con un avviso pubblico di oltre 1mln destinato a progetti e attività per tredici tra sistemi e nuove aggregazioni di biblioteche. Le biblioteche sono state inoltre valorizzate con due progetti dedicati come Nati per leggere e Cinema nelle Biblioteche con altri 135mila euro di risorse. Perché crediamo fortemente che siano dei luoghi preziosi da salvaguardare per la crescita e lo sviluppo del nostro territorio”.

"Un risultato importante"

Per il presidente della Compagnia dei Lepini Quirino Briganti “questo è un risultato molto importante per i giovani, gli studenti e le comunità dei Monti Lepini che potranno utilizzare uno strumento tecnologicamente avanzato per accedere e diffondere le conoscenze disponibili nelle biblioteche locali attraverso i moderni strumenti tecnologici quali smartphone, tablet, computer, e potranno farlo da qualsiasi luogo. La Compagnia dei Lepini si è impegnata molto per realizzare questo investimento perché siamo consapevoli che gli istituti culturali, come le biblioteche e i musei, svolgono una importante funzione culturale e sociale sia per quanto riguarda la diffusione delle conoscenze che per quanto riguarda l’educazione di giovani e adulti e rappresentano un importante vettore di coesione sociale e di valorizzazione dell’identità territoriale. Le biblioteche del Sistema territoriale dei Monti Lepini hanno, ora, a disposizione un potente strumento tecnologico che consentirà di migliorare i servizi tradizionali, di potenziare le capacità di informazione e di coinvolgimento degli utenti, di generare nuovi servizi e nuovi progetti culturali per concorrere al soddisfacimento delle nuove domande in ambito culturale”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

  • Morto dopo un inseguimento, la guardia giurata condannata a nove anni per omicidio

  • Coronavirus, altri 209 contagi e tre morti in provincia. Boom di casi a Terracina

Torna su
LatinaToday è in caricamento