Dismissione impianto nucleare: tavolo di confronto sul “Sentiero della Bonifica”

Il tavolo promosso dalla Regione. La realizzazione dell’opera grazie allo strumento legislativo che prevede misure di compensazione e riequilibrio ambientale a fronte dello smantellamento di siti nucleari

C’è stato questa mattina a Latina il tavolo di confronto promosso e coordinato dalla Regione Lazio per favorire un accordo fra Comune, Arpa Lazio, Sogin e Provincia relativo a compensazioni ambientali conseguenti alla dismissione dell’impianto nucleare di Borgo Sabotino. 

Il tavolo tecnico, che spiegano dalla Regione “è comunque aperto a rappresentanti di altri portatori di interesse territoriali e di altre amministrazioni”, si è tenuto sul progetto “Sentiero della Bonifica”.

“Com’è noto - illustra l’Amministrazione comunale di Latina - il D.L. 24 gennaio 2012 prevede misure di compensazione e riequilibrio ambientale a fronte dello smantellamento di siti nucleari. è il caso della centrale che insiste nell’area di Borgo Sabotino e che, in quest’ottica, consente l’ausilio dello strumento legislativo per la realizzazione del progetto del sentiero”. 

Grazie al coordinamento facilitatore della Regione “è stato attivato l’iter procedurale per definire la progettazione esecutiva e l’individuazione delle risorse economiche di tale importante infrastruttura”.

L’opera prevede la realizzazione di un collegamento pedonale e ciclabile su sterrato lungo circa 32 km, che mette in relazione due perle del comprensorio pontino quali i Giardini di Ninfa e la Villa Fogliano a ridosso dell’omonimo lago, sfruttando l’argine del canale di bonifica delle Acque Medie.

"E' un primo step importante – ha chiosato soddisfatto il sindaco Coletta – che finalizza la realizzazione di un’opera prioritaria del nostro programma amministrativo e che avrà un forte e positivo impatto sul territorio”. Oltre al mero servizio di collegamento e all’incentivazione di una mobilità sostenibile, il sentiero rappresenta per l’Amministrazione del capoluogo “un’occasione di sviluppo turistico cosiddetto lento, movimento che in Europa muove un indotto di oltre 200 miliardi di euro l’anno”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Aprilia, in due tentano di investire i carabinieri: i residenti lanciano vasi contro i militari

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Aprilia, minacce di morte ai carabinieri in via Francia: convalidati i due arresti

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

Torna su
LatinaToday è in caricamento