menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torrente Pontone, si sblocca lo stallo: la Regione invita i Comuni a presentare i progetti

Il deputato pontino del M5S Raffaele Trano fa il punto della situazione alla luce del recente incontro convocato in Regione alla presenza dei rappresentanti delle amministrazioni di Formia, Itri e Gaeta

"Procediamo su un binario nuovo”. Così Raffaele Trano è intervenuto a margine di un incontro che si è tenuto nei giorni scorsi negli uffici della Regione Lazio sulla problematica dei finanziamenti per il dissesto idrogeologico al Torrente Pontone. All’incontro richiesto dal deputato e convocato dalla dirigente del settore Lavori Pubblici Maria Cristina Vecchi coadiuvata dal funzionario Maurizio Franzese e dal geologo della Regione, erano presenti il presidente del consiglio comunale di Formia Pasquale Di Gabriele, accompagnato dall’assessore all’Ambiente Orlando Giovannone, mentre per Gaeta ed Itri erano presenti rispettivamente il dirigente Massimo Monacelli e il funzionario Meschino. Per il comitato Pontone ha partecipato Flavio Fantasia. 

“Ho riscontrato da parte di tutti gli intervenuti la voglia e la volontà di voltare pagina e lasciarsi alle spalle questi 7 anni trascorsi dalla tragedia di Halloween - spiega il deputato del M5S Trano - Dalla dirigente Vecchi, che ringrazio per l’accelerazione che ha impresso alle procedure, è arrivato alle tre amministrazioni comunali, formalizzato con una nota ufficiale, un invito a presentare proposte progettuali, ‘rivolte alla risoluzione delle problematiche relative al Torrente Pontone, connesse ai corrispondenti territori di competenza per l’inserimento delle stesse nella piattaforma Rendis, condizione necessaria affinché tali interventi possano essere valutati secondo le modalità ed i criteri previsti ai fini di un eventuale inserimento in future programmazioni’.

"Il “progetto madre” di riqualificazione idraulica del corso, mai registrato sulla piattaforma in maniera completa - prosegue Trano - dovrà essere smembrato e ripresentato dai tre comuni ognuno per il tratto di propria competenza. L’elevato importo attuale (10.200.000,00 euro), con lo schema del comune capofila, difficilmente troverebbe infatti capienza nei bandi. Si tratterà poi di portare la progettazione al massimo grado di fattibilità, in modo da non farsi trovare impreparati”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento