Cronaca Europa / Via Helsinki

Campi di via Helsinki senza corrente, Pd attacca e Comune risponde

Botta e risposta infuocato tra il Partito Democratico e l'amministrazione in merito ai pagamenti delle utenze e al distaccamento della corrente elettrica ai campi assegnati a Libera

È bufera sui campetti di via Helsinki assegnati nei giorni scorsi all’associazione Libera.

Lo scontro si accende tra il Pd e il Comune in merito alla questione delle utenze più o meno pagate e al conseguente distaccamento della corrente elettrica.

Ma andiamo con ordine. Il Partito Democratico punta il dito contro l’amministrazione accusandola di aver staccato l’energia ai campetti e immediata arriva la replica del Comune.

IL PD - “La legalità va praticata, non solo propagandata" affermano il capogruppo del partito in Comune, Giorgio De Marchis, e il consigliere comunale Alessandro Cozzolino. “Fino a quando la struttura era abusiva – aggiunge Cozzolino – il Comune pagava le utenze. Adesso che è stata ristabilita la legalità, con l’assegnazione a Libera del campetto, l’amministrazione Di Giorgi ha deciso di staccare l’energia e non pagare più”.

“Il campetto (requisito per abusivismo edilizio) – proseguono - era stato inaugurato nei giorni scorsi e proprio da Via Helsinki era partita la carovana antimafia di Libera che girerà l’Italia. La maggioranza per lunghi mesi aveva tergiversato senza dare seguito alla sentenza di assegnazione del bene sequestrato all’abusivismo edilizio all’associazione Libera”.

Verificheremo i pagamenti delle utenze delle cooperative che gestiscono beni del Comune – rilancia Cozzolino – perché la legalità sia un modo di essere e non di apparire”. “Hanno agito senza preavviso – conclude Giorgio De Marchis – porteremo la questione in Commissione Trasparenza per chiarire anche la vicenda che più volte abbiamo sollevato: la maggioranza pagava le utenze quando i campetti erano abusivi”.

LA REPLICA DEL COMUNE - In relazione alla vicenda dell’impianto sportivo di via Helsinki, “l’amministrazione comunale sottolinea che ha avviato sin dal suo insediamento una ricognizione sulle utenze comunali per evitare sprechi e dispersione di risorse. Nell’ambito di tale ricognizione è stata rilevata, tra l’altro, la presenza di una utenza nel campo di via Helsinki, unita alle utenze del vicino cimitero, che sono state distaccate e non più a carico del Comune di Latina”.

“L’impianto sportivo – si legge nella nota del Comune -, inoltre, è stato regolarmente affidato dal Comune alla gestione dell’associazione “Libera” la quale non ha presentato alcun tipo di opposizione o rimostranza, anzi in forma collaborativa, pur non avendo avuto un preavviso lungo dagli uffici comunali, ha ricevuto la necessaria documentazione dal Comune e ha già provveduto a riattivare l’utenza”.

“In ogni caso l’amministrazione comunale resta a disposizione per consentire a “Libera” la migliore gestione della struttura simbolo della lotta alla criminalità, alla violenza e contro ogni sopruso. Lo staff del Sindaco ha già fissato, inoltre, una ulteriore riunione con i capi settore dell’ente per fare il punto su tutte le utenze al fine di razionalizzare i costi e la gestione”.

L’INTERVENTO DELLA LISTA DI GIORGI – “Le nuove prese di posizione del PD sul campo di via Helsinki sono l’ennesima testimonianza di come questo partito, e il suo capogruppo in particolare, siano impegnati a fare solo demagogia e bassa strumentalizzazione su ogni argomento”  si legge nella nota del gruppo consiliare della Lista Di Giorgi.

“Invece di occuparsi dei problemi reali della città, di dare risposte concrete ai cittadini come sta facendo la maggioranza (citiamo ad esempio il piano quadro di edilizia residenziale pubblica, la “Mare-Monti”, l’aera ex Svar, la zona artigianale F2, ecc), il Pd non perde occasione per creare polemica senza mai essere collaborativo né propositivo. Sono proprio questi gli atteggiamenti che screditano la classe politica agli occhi dei cittadini”.

“Anche davanti ad una vicenda come quella dell’impianto sportivo di via Helsinki, con una positiva conclusione legata all’affidamento della gestione all’associazione “Libera”, il Pd si imbarca nel goffo tentativo di farne una polemica politica priva di fondamento. Quello che per noi e per tutta Italia era e resta un simbolo di opposizione alla criminalità e alla violenza, per il Pd diventa solo uno spunto per raccattare visibilità attraverso la demagogia”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campi di via Helsinki senza corrente, Pd attacca e Comune risponde

LatinaToday è in caricamento