rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Fondi

Made in Italy, distrutti 7mila prodotti illegali sequestrati in una anno

L’operazione della guardia di finanza che effettuato una maxi distruzione di prodotti illegali sequestrati durante il 2014 sui principali luoghi di villeggiatura del litorale fondano e sulle spiagge di Sperlonga

Circa 7mila prodotti illegali e sequestrati durante tutto il 2014 sono stati distrutti dalla guardia di finanza. Si tratta per lo più di merce contraffatta, o dannosa per la salute, sequestrata durante il corso dell’anno appena passato nei principali luoghi di villeggiatura del litorale fondano e sulle spiagge di Sperlonga.

Un’operazione, come spiegano dalla guardia di finanza, volta proprio alla tutela dei mercati dall’invasione di prodotti falsi, di provenienza incerta o addirittura nocivi per la salute dei consumatori, nonché per consentire la crescita dell’economia sana del paese e proteggere il cosiddetto “Made in Italy”.

“Il più delle volte - si legge in una nota delle fiamme gialle - questi prodotti contraffatti risultano essere privi di indicazioni in lingua italiana, della composizione merceologica, dell’importatore, del fabbricante, delle avvertenze e delle precauzioni d’impiego come previsto dal codice del consumo, senza contare il circuito di evasione fiscale e/o riciclaggio di proventi illeciti utilizzati in relazione ai guadagni ottenuti dalle organizzazioni criminali mediante la vendita delle partite di merce alla rete degli intermediari.

Senza alcuno scrupolo imprenditoriale, in violazione di ogni normativa ed in completa evasione fiscale - conclude la nota -, la rivendita dei beni contraffatti provenienti dalla filiera del falso trova terreno fertile nella provincia particolarmente nella stagione estiva, quando, insieme ai villeggianti, affluiscono indiscriminatamente anche commercianti abusivi, in maggior parte stranieri”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Made in Italy, distrutti 7mila prodotti illegali sequestrati in una anno

LatinaToday è in caricamento