Lotta ai disturbi del comparto alimentare, piazza del Popolo si colora di lilla

I 31 marzo si celebra la Giornata del Fiocchetto Lilla, per la lotta ai disturbi del comportamento alimentare. Tanti gli appuntamenti nel capoluogo nell'ambito della manifestazione organizzata dall'associazione Diamole Peso onlus

Si colorerà di lilla anche piazza del Popolo venerdì 31 marzo quando si celebra la Giornata del Fiocchetto Lilla, per la lotta ai disturbi del comportamento alimentare. 

La manifestazione, giunta alla sesta edizione in Italia e alla quarta nel capoluogo pontino, è organizzata dall’associazione Diamole Peso onlus con il patrocinio di Comune di Latina e Provincia. 

LE PAROLE DELLA PRESIDENTE - “Diamole Peso sostiene la campagna nazionale del fiocchetto lilla da 4 anni – sostiene Chiara De Nardis, presidente dell’associazione Diamole Peso –. È stato un successo in crescendo in termini di partecipazione e riscontro e questo mi ha spinta a continuare. Bisogna informare, sensibilizzare e aiutare a comprendere perché i disturbi del comportamento alimentare e l'obesità sono poco conosciuti e troppo spesso ‘sporcati’ dal pregiudizio e dallo stigma. Bisogna superarli e bisogna far comprendere che sono malattie serie ma curabili e che il primo passo per guarire è rompere il silenzio e  superare la vergogna”.

IL PROGRAMMA - La manifestazione prenderà il via alle 21 in piazze del Popolo con la performance di danza della scuola Top Dancing Latina a cura di Maria Grazia Taricone. A seguire è prevista l’esibizione teatrale con gli attori di Palco 19 di Simona Serino. Poi sarà la volta del coro Le Mani colorate di Marilena Boschin, Mariangela Peduto, Letizia Saltarelli con al centro del palco la solista Martina Siraco. Durante tutta la durata dell’evento sarà possibile visitare l’esposizione fotografica Extra-ordinary Life di Marcello Scopelliti. 

LA GIORNATA - “Un programma denso per celebrare una giornata fortemente voluta dal papà di una ragazza scomparsa nel 2010 a soli 17 anni per problemi legati alla bulimia - spiegano gli organizzatori -. Stefano Tavilla, il papà di Giulia, in pieno spirito resiliente, ha trasformato la morte della figlia in un movimento: un anno dopo la morte di Giulia ha creato l’associazione  Mi nutro di vita perché chi soffre di disturbi alimentari venga accolto e curato in strutture idonee. 

LA BATTAGLIA “ISTITUTZIONALE” - Quest’anno poi la giornata si arricchisce di una battaglia e di un significato istituzionale in più: il 15 marzo scorso infatti nella sala stampa di Montecitorio, a Roma, i deputati Umberto D’Ottavio (Pd) e Luca Pastorino (Possibile) hanno presentato una proposta di legge affinché il 15 marzo venga riconosciuto come “Giornata Nazionale contro i disturbi del comportamento alimentare”. 

giornata_fiocchetto_lilla_latina-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

  • Tamponi in farmacia, dove farli a Latina e provincia. L'elenco completo e gli indirizzi

Torna su
LatinaToday è in caricamento